Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Evacuate 1500 persone a Pescara

Maltempo, Abruzzo: morta una donna. Continuano le piogge


Maltempo, Abruzzo: morta una donna. Continuano le piogge
02/12/2013, 16:07

ROMA – Il maltempo colpisce ancora l’Italia con il Sud della penisola interessato da violenti piogge e veri e propri nubifragi. Il nuovo ciclone attivo nel Mediterraneo interessa ed interesserà fino a martedì tutto il meridione con allerta massima in Molise, Puglia, Basilicata e Calabria e con situazioni al limite anche in Sicilia, Abruzzo e Sardegna.

La situazione più grave, in ogni caso, è quella di Pescara dove circa 1500 persone sono state evacuate. Dalla scorsa notte sono all'opera operai comunali che stanno posizionando con alcune ruspe e camion a riva grossi massi per evitare l'avanzamento dell'acqua che in alcuni punti è già arrivata al livello della strada. Il tutto è stato aggravato dalla notizia del ritrovamento di un corpo, quello di Anna Maria Mancini, 57 anni, originaria di S.Teresa di Spoltore (Pescara); la donna era dispersa da questa mattina ed è morta dopo essere rimasta intrappolata con la propria auto in un sottopasso allagato. Dalle prime informazioni sembra che la strada sarebbe stata chiusa al traffico e transennata, ma la donna avrebbe deciso di percorrerla ugualmente. Adesso la procura vuole vederci chiaro e ha aperto un fascicolo d'indagine per verificare se la strada fosse veramente chiusa al transito.

Stato di allerta anche in Calabria dove piove ininterrottamente da ieri sera. Rischio esondazione di tutti i corsi d’acqua della provincia di Crotone: la Prefettura ha invitato i cittadini a rimanere in casa e a non mettersi in viaggio se non in caso di assoluta necessità.

Situazione delicata in Sicilia con diversi quartieri palermitani allagati a causa delle piogge insistenti. Automobili rimaste impantanate nel fango e nell’acqua, case invase dalla melma, alberi caduti e isole Eolie isolate: questi gli aggiornamenti dalla maggiore delle isole italiane.

In Puglia strade allagate e paesi evacuati.

Critica la situazione anche in Basilicata: nella provincia di Matera alcune famiglie costrette a lasciare le proprie abitazioni. Gli argini di alcuni fiumi stanno per essere superati: di conseguenza strade e scuole chiuse in alcuni comuni.

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©