Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Comune Agropoli attiva numero per denunciare abusi

Maltempo: acqua pagata a caro prezzo, controlli nel salernitano


Maltempo: acqua pagata a caro prezzo, controlli nel salernitano
12/11/2010, 13:11


AGROPOLI (Sa) - Acqua pagata a caro prezzo: c'é anche l'ombra della speculazione nell'emergenza idrica che da due giorni attanaglia una quindicina di Comuni a Sud di Salerno, a causa della rottura di una condotta dell' acquedotto "Basso Sele". A confermare l' ipotesi, i sospetti avanzati in queste ore da alcuni cittadini del Comune di Agropoli, il più popoloso del Cilento e quello nel quale maggiormente si avverte l'emergenza. Presi d'assalto supermercati ed esercizi commerciali, in una vera e propria corsa all'acqua, c'é chi non ha potuto fare a meno di notare un aumento dei prezzi, a volte del tutto ingiustificato. Al centro dei sospetti, soprattutto le ormai introvabili "taniche", specie quelle dai venti litri in su, il cui costo è letteralmente schizzato in alto. "Ne ho acquistate tre - spiega A.T., 42enne del posto - Le ho pagate sei euro l'una, mentre solo due giorni fa costavano poco più di tre euro.". E c'é anche chi, tra gli esercenti, si lamenta dell'aumento del prezzo di piatti e bicchieri di plastica acquistati all'ingrosso. "Li ho pagati una trentina di centesimi in più a pacco rispetto a pochi giorni fa - racconta il titolare di esercizio commerciale di Agropoli - E' chiaro che dovrò rivenderli con un prezzo maggiorato.". Il Comune di Agropoli ha quindi attivato un numero telefonico speciale per la denuncia di eventuali casi di speculazione, "in via del tutto preventiva", fanno sapere dal palazzo di città, mentre il Comando di Polizia Municipale ha annunciato l'avvio di una serie di controlli a tappeto presso le attività commerciali per evitare indiscriminati aumenti dei prezzi nella vendita di acqua e di contenitori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©