Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Perturbazione sulla Campania, scatta l'emergenza

Maltempo, allerta in tutta Italia: rinviata Napoli-Juventus


Maltempo, allerta in tutta Italia: rinviata Napoli-Juventus
06/11/2011, 17:11

L’emergenza maltempo si espande ormai a maccchia d’olio in tutta Italia. A Torino, zona Murazzi, il sindaco Piero Fassino ha ordinato la chiusura dei locali aperti a pochi metri dalla riva del Po, in quanto le acque del rio hanno già superato i cinque metri, facendo impennare il livello di massima allerta. Scuole chiuse domani nel capoluogo piemontese e nelle cittadine dell’hinterland, in particolare nel Canavese. I primi allagamenti anche nell’Alessandrino e nell’area di confine con la Liguria, dove nerlla notte tra venerdì e ieri si sono verificati i maggiori disagi a causa delle forti piogge.
La perturbazione intanto si sta abbattendo anche sul centro e sul sud: intense precipitazioni sulla parte tirrenica del paese ed anche sul Lazio e sulla Campania, dove nelle prossime ore potrebbero verificarsi nuovi rovesciamenti a caratteri temporaleschi. Oltre all’incidente in cui un uomo ha perso la vita in provincia di Napoli, notevoli disagi si sono verificati in tutto il capoluogo campano, dove le chiamate giunte al centralino del comando dei vigili del fuoco di Napoli sono state più di un migliaio . Al momento la situazione è sotto controllo ma sono numerosi gli allagamenti che si sono registrati in terranei e abitazioni a piano terra. Il big match tra Napoli e Juventus è stato rinviato a causa dell’acquazzone che ha messo in ginocchio il quartiere di Fuorigrotta, mentre il sindaco Luigi de Magistris ha invitato i cittadini a prestare la massima attenzione.
La situazione su tutta la Campania è andata peggiorando intorno alle 4 del mattino con le prime segnalazioni provenienti dall'area Stabiese e, in particolare, dalle zone di Gragnano e Sant'Antonio Abate. Successivamente si sono registrate anche esondazioni di alcuni fiumiciattoli o "lagni" come sono soprannominati. Notevoli i disagi anche ai turisti diretti agli scavi di Pompei. Secondo quanto segnala il coordinamento nazionale Uil Beni e Attività Culturali, allagamenti si sono verificati nella zona del Decumano maggiore. Agli scavi è stato consentito l'accesso, sempre secondo la segnalazione della Uil, dall'ingresso di Porta Marina “dando la possibilità ai turisti di fare solo il giro del Foro civile”.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©