Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Matteoli, incontro con Anas, ferrovie e protezione civile

Maltempo, ancora disagi: chiusa la Firenze-Siena

Firenze, si ritorna alla normalità, riaperto l'aeroporto

Maltempo, ancora disagi: chiusa la  Firenze-Siena
19/12/2010, 09:12

Roma, 19 dicembre 2010 – Ancora emergenza maltempo nel centro Italia, oltre alla neve, in queste ultime ore è anche arrivato tanto tanto ghiaccio. Disagi si registrano ancora in Toscana, dove nel pomeriggio di ieri è stata chiusa al traffico la Firenze-Siena. A causa della neve e del ghiaccio che si è successivamente formato per via delle gelide temperature polari, nel tratto tra Bargino e Firenze, s'è creato una coda di auto lunga circa trenta chilometri. Anche in questo caso le operazioni coordinate di Polstrada, Vigili del Fuoco e Protezione Civile, hanno prestato soccorso alle persone rimaste nel traffico distribuendo loro generi di conforto, bevande calde e coperte. Problemi analoghi si registrano anche sulla superstrada Firenze-Pisa-Livorno, chiusa nel tratto del comune di Pisa e tra Empoli Ovest e Lavoria per presenza di ghiaccio sull'asfalto. Intanto sono stati convocati per lunedì i vertici della Protezione Civile, dell'Anas, delle Ferrovie dello Stato e delle Concessionarie autostradali dal ministro dei Trasporti Altero Matteoli, per fare il punto della situazione e chiedere chiarimenti sulla vicenda dei giorni scorsi che ha paralizzato il tratto fiorentino dell'A1, costringendo gli automobilisti a trascorrere una notte al gelo: . "Il nostro è un Paese un po' particolare: ho convocato ferrovie, Anas e Autostrade perché un ministro ha il dovere di capire cosa è successo, e se è stato fatto tutto il possibile, e soprattutto cercare di migliorare". Per quanto riguarda i treni, la circolazione sta tornando alla normalità nella stazione di Firenze Santa Maria Novella, dove venerdì sono rimasti bloccati 5mila passeggeri Anche l'aeroporto . fiorentino ‘Amerigo Vespucci’ è stato riaperto al traffico aereo, mentre per quanto riguarda l'aeroporto ‘Galileo Galilei’ di Pisa, gli aerei dovranno aspettare fino a domani per riprendere il volo. Ed infine sono ritornati a circolare, ma a singhiozzo, i mezzi pubblici nella cittadina fiorentina mentre rimangono ancora chiuse le scuole. E dopo la tempesta di neve, comincia la tempesta di polemiche, in primis il governatore della toscana Enrico Rossi, che gria allo scandalo nazionale, e minaccia denunce: ''Denunceremo tutti - ha detto il governatore toscano - alla procura della Repubblica: Mauro Moretti di Ferrovie dello Stato, Pietro Ciucci di Anas, e i Benetton di Società Autostrade per l'Italia. Sono queste persone i responsabili. Chiederemo poi i danni e metteremo tutti davanti alle loro responsabilità". E Rossi accusa ancora: ''Le Ferrovie, l'Anas, la Società Autostrade hanno abbandonato la Toscana. Denuncerò chi non ha rispettato la nostra allerta, tempestiva e dettagliata''. Replica da parte del numero uno di Anas che risponde alle minacce di Enrico Rossi: ''Prima di pensare a procure, class action e quant’altro, bisogna pensare a risolvere i problemi. E, in Toscana, non soltanto strade di Anas avevano problemi, ma anche quelle gestite direttamente dalla regione”.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©