Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Torna clima invernale, gelo e neve anche a bassa quota

Maltempo, muore pescatore in Sardegna

Italia divisa in due. Schiarite al Nord, piogge al Sud

Maltempo, muore pescatore in Sardegna
14/03/2013, 11:48

CARBONIA - Un pescatore di 38 anni, Omar Cherchi, e' morto ed un giovane collega di 20 anni, Luca Vacca, e' ricoverato all'ospedale di Carbonia dopo che la loro imbarcazione di tre metri, partita stamattina dal porto di Calasetta alle 7.30 per una battuta di pesca, a causa delle cattive condizioni atmosferiche, si e' ribaltata e i due sono finiti in mare.

Sulla costa sud occidentale della Sardegna imperversano pioggia e forte maestrale. I due sono stati soccorsi dalla Capitaneria di porto, ma per il trentottenne non c'e' stato niente da fare. Dovevano solo recuperare le reti lasciate in mare durante la notte. Non erano distanti dalla costa, ma a causa del forte vento e del mare agitato, la barca ha cominciato ad imbarcare acqua e poi e' affondata, travolta dalle onde. E' stato un uomo che stava portando il cane a fare una passeggiata sul mare a vedere la barca naufragare e a lanciare l'allarme. 

Quella di oggi era stata preannunciata come la giornata che ci avrebbe riaccompagnati verso un vero e proprio ritorno di inverno. Aria gelida di provenienza artica si sta avvicinando sempre di più al nostro Paese e già nelle prossime ore porterà un calo delle temperature e nevicate lungo tutta la dorsale appenninica.

La perturbazione numero 6 di marzo, intanto, da quanto segnalano gli esperti di Epson meteo, continua a far sentire i suoi effetti e oggi porterà nuove piogge al Centrosud. A causa del brusco calo delle temperature, le prime ore del giorno saranno molto fredde al Centronord, con gelate anche in pianura. Sabato un po` di tregua, in generale senza piogge e con temperature in rialzo grazie al temporaneo ritorno dell`alta pressione, ma poi domenica con l`avvicinarsi della perturbazione numero 7 di marzo torneranno le piogge al Nord e Medio Tirreno, con neve fino a quote molto basse. 

Da una stima sulle conseguenze dell'irruzione della massa d'aria artica prevista per la seconda metà di questa settimana, si può dire che è molto probabile un crollo tra i 7 e i 12 gradi fra i valori registrati lunedì e quelli che previsti per venerdì. In particolare, si è partiti lunedì da valori primaverili e in molti casi sopra la media (massime fra 15 e 20 gradi) per arrivare a venerdì a valori pomeridiani inferiori a 10 gradi in tutto il Centronord e di poco superiori al Sud.


 

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©