Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sospesi collegamenti con le isole. Neve sopra i 1.000 metri

Maltempo, piogge intense fino a lunedì. Poi arriva il freddo


Maltempo, piogge intense fino a lunedì. Poi arriva il freddo
29/11/2012, 20:31

Il maltempo sta flagellando l’Italia con pioggia e vento forte. Allerta meteo prolungato di altre 24 ore, fino alla mezzanotte tra domani e sabato in Toscana, dove i vigili del fuoco stanno ancora lavorando.
Sospesi, inoltre, i collegamenti con le isole in quanto i traghetti sono impossibilitati ad arrivare fin li ed è forte il rischio di mareggiate per l'Arcipelago e la costa meridionale.
La situazione in provincia di Massa Carrara è lievemente migliorata: la statale Aurelia al km 388 è stata riaperta e nel centro storico di Carrara cittadini e volontari hanno rimosso acqua e fango da scantinati, taverne e garage. Volontari al lavoro anche nello spezzino per liberare da acqua e fango strade, abitazioni, seminterrati e box a Ortonovo, colpito dall'esondazione del torrente Parmignola avvenuta nella notte tra martedì e mercoledì.
Situazione migliorata anche in Emilia Romagna, dove la protezione civile locale ha dichiarato cessato il preallarme per la piena del Reno, del Santerno e del Sillaro, nel Bolognese.
Nel Lazio, però, la situazione non è affatto migliorata. La pioggia non da tregua, tanti che il fiume Aniene ha rotto gli argini vicino Subiaco e in Ciociaria e sta di nuovo crescendo il livello del Tevere: alla foce ieri sera otto abitazioni sono state evacuate per allagamento.
Stato di allerta in Campania. A napoli, infatti, il vento di libeccio ha raggiunto forza 8 e nella notte i vigili del fuoco hanno effettuato 65 interventi per cadute di alberi, cornicioni ed intonaci. Molto agitato il mare nel Golfo: soltanto nel pomeriggio sono migliorate le condizioni meteo marine consentendo la ripresa dei collegamenti con Capri interrotti per quasi 48 ore.
Intanto, a Taranto si fa la conta dei danni dopo la violenta tromba d'aria che si è abbattuta ieri nella zona tra Statte e Taranto, danneggiando pesantemente lo stabilimento Ilva. Il repentino cambiamento climatico ha colpito anche la Sardegna dove sino a due giorni fa le temperature arrivavano anche a oltre 20 gradi.
Dalla prossima settimana, la pioggia lascerà il posto al gelo, proveniente dal Polo che porterà l'inverno. Tra Domenica e lunedì - avvertono i meteorologi - sarà inverno anche al centro sud dove la colonnina di mercurio subirà un calo anche di oltre 8-10 gradi. Intanto parte in anticipo la stagione dello sci dal Piemonte (80/120 centimetri sulle piste del Sestriere e Sauze d'Oulx) al Trentino (impianti aperti con mezzo metro di neve da Madonna di Campiglio alla val di Fassa, da Andalo al Tonale).

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©