Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Venerdì proclamato lutto nazionale

Maltempo Sardegna, avviate inchieste per disastro e omicidio colposo


Maltempo Sardegna, avviate inchieste per disastro e omicidio colposo
21/11/2013, 18:47

In Sardegna il maltempo – che fin ora ha già causato 16 morti durante il nubifragio tra lunedì e martedì scorso - ha dato solo un giorno di tregua ma da domani ritorna l’allerta meteo e da venerdì previste possibili nevicate oltre gli 800-900 metri.
Attualmente, sono circa 747 gli sfollati, di cui solo 270 alloggiati nei vari centri di accoglienza creati in palestre, scuole, parrocchie e strutture alberghiere.  Le persone che hanno trovato rifugio a casa di parenti o amici sono 477 ma è ancora da verificare il numero degli sfollati di Olbia, la zona più colpita dal forte nubifragio.
Nonostante il tempo instabile, però, non si placano gli interventi di messa in sicurezza delle zone danneggiate dal maltempo, in particolare nell'Oristanese, nel Nuorese e in Gallura.
Intanto, il Consiglio dei ministri ha proclamato il lutto nazionale per venerdì 22 novembre. In questo giorno, infatti, il Paese renderà omaggio alle vittime del ciclone che ha danneggiato pesantemente l’isola.
Inoltre, sono state avviate due inchieste: una nella Procura della Repubblica di Tempio Pausania, l'altra in quella di Nuoro. Si procede rispettivamente per disastro colposo e omicidio colposo. Le magistrature inquirenti hanno richiesto alle amministrazioni maggiormente coinvolte nella catastrofe di lunedì i progetti, le delibere e tutto quanto possa consentire di far chiarezza su opere stradali, manufatti, edifici, strutture e pianificazioni urbanistiche che hanno visto la luce negli ultimi anni.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©