Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Due ragazzi scampano a valanga

Maltempo, si attenuano nevicate ancora allarme al sud

"Attenzione a ghiaccio sulle strade"

Maltempo, si attenuano nevicate ancora allarme al sud
12/02/2013, 19:39

ROMA - Nord verso la normalità dopo la grande nevicata di ieri (la terza giornata più nevosa negli ultimi tre anni), ma è ancora allerta al Sud: per domani previsti temporali intensi. Una valanga ha travolto due ragazzini a Plan de Corones in Alto Adige: salvi per miracolo. Acqua alta a Venezia con grandi disagi e danni. Tra ieri ed oggi si sono registrate 36 ore di neve complessiva su 4.100 km di autostrade. I prefetti di 11 regioni hanno disposto poco più di 30 ore di stop per i tir. “Grazie alle misure precauzionali intraprese - rileva Viabilità Italia, il centro di coordinamento presieduto dalla Polizia postale riunito in permanenza da quasi 48 ore per seguire l'emergenza - si registra un consuntivo nel complesso positivo sul fronte della viabilità e degli incidenti”. L'ondata di maltempo si sta attenuando ma si raccomanda ancora “la massima prudenza alla guida”, specie per il rischio di formazione di ghiaccio sulle strade. Il Passo Gardena ed il Passo Fedaia in Trentino Alto Adige sono stati chiusi per motivi di sicurezza dopo le intense nevicate. In Trentino è stato revocato il divieto di circolazione dei mezzi pesanti. Sulle strade già da ieri sono entrati in funzioni i mezzi sgombraneve e spargisale. In Val Pusteria una valanga ha investito due ragazzi di 11 anni impegnati in un fuoripista. Uno è riuscito a riemergere dalla massa di neve da solo, mentre il secondo è stato tratto in salvo dai soccorritori. I due sono stati portati in ospedale. A Venezia, pur non avendo raggiunto i 160 centimetri delle previsioni, l'acqua alta di questa notte, che si è fermata a quota 143 centimetri sul medio mare, ha causato notevoli disagi e danni. Prime vittime i commercianti delle zone più basse della città, tanto che, a mattinata inoltrata, erano ancora in molti a ripulire e svuotare dall'acqua i propri negozi. Nella prossima notte attesa una marea massima di 110 centimetri. Sempre in Veneto ieri si sono registrati forti rallentamenti alla circolazione dei treni nel nodo di Venezia, con ritardi fino a 4 ore. Colpa, segnala Rete Ferroviaria Italiana (Rfi), di un guasto alle apparecchiature del traffico ferroviario dovuto alla “mancata alimentazione degli elettrodotti Enel”. Enel si è chiamata fuori sottolineando che Rfi è servita dalla rete di alta tensione di Terna. Ma anche quest’ultima si smarca escludendo che i problemi subiti dai propri elementi abbiano influito sulle cabine di Rfi. Intanto, la Protezione civile ha diramato un nuovo allerta meteo dopo quello dei giorni scorsi, a causa di una perturbazione sul Mediterraneo centrale che continuerà a determinare condizioni di maltempo al Sud. Previsto dunque il persistere di precipitazioni, anche temporali di forte intensità, su Calabria e Basilicata che, da stasera, si estenderanno su Puglia e Sicilia. Possibili forti raffiche di vento ed attività elettrica. Nevicate poi al di sopra di 600-800 metri.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©