Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’ex sottosegretario alla sbarra

Manca la notifica, rinviato il processo a Cosentino

L’udienza si terrà il prossimo 18 aprile

.

Manca la notifica, rinviato il processo a Cosentino
10/03/2011, 14:03

CASERTA – Partirà il prossimo 18 aprile il processo nei confronti del parlamentare Pdl Nicola Cosentino, coordinatore regionale del Pdl ed ex sottosegretario all’Economia, accusato di presunte collusioni con il sodalizio camorristico dei Casalesi. L’udienza era stata fissata per questa mattina, ma dopo pochi minuti è stato necessario il rinvio in quanto non risulta notificato l'avviso di fissazione dell'udienza all'avvocato dello Stato per conto della Presidenza del Consiglio.

“Sono qui per dimostrare l’assoluta trasparenza e cristallinità della mia storia politica, - aveva dichiarato in precedenza l'ex sottosegretario all'Economia, - mi sottopongo serenamente al giudizio del Tribunale perchè finalmente potrò dimostrare la mia estraneità alle accuse che mi vengono rivolte".

A chi gli ha chiesto se il processo e le accuse nei suoi confronti rappresentino una macchia sul Pdl, Cosentino ha risposto: ''Assolutamente no, e perche'? E' stata una macchia Bassolino indagato in tanti processi?''. Quanto alle accuse rivoltegli dalla vedova dell'imprenditore Orsi sull'omicidio del marito, il coordinatore campano del Pdl replica: ''Nel merito del processo non entro, per rispetto dei magistrati''.

Il presidente del collegio giudicante, Gianpaolo Guglielmo, ha spiegato che c'e' stata una partenza di un fax di notifica dell'odierna udienza, ma non c'e' prova della ricezione della stessa all'Avvocatura di Stato. "C'e' un'omessa notifica alla presidenza del Consiglio dei Ministri, parte offesa", ha spiegato il pm dell'accusa, Giuseppe Narducci, "in quanto l'Avvocatura dello Stato non ha ricevuto l'avviso della fissazione dell'udienza odierna. Dunque, non potevamo andare avanti".

Al termine, il coordinatore regionale Pdl si è avvicinato ai pm della Dda di Napoli, Alessandro Milita e Giuseppe Narducci, gli ha teso la mano chiedendo: "Posso avere il piacere il salutarvi?".

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©