Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Mancato spazzamento per la festa patronale. Il sindaco si rimbocca le maniche e scende in piazza


Mancato spazzamento per la festa patronale. Il sindaco si rimbocca le maniche e scende in piazza
30/05/2010, 16:05

Qualche giorno fa c’era stato un accordo tra l’amministrazione e la ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti, la IGICA SPA, affinché nei giorni in cui si sarebbero celebrati i festeggiamenti per il Santo Patrono, la ditta avrebbe garantito un ulteriore servizio di spazzamento nelle strade interessate. L’accordo non è stato rispettato e questa mattina via Roma e piazza della Repubblica, sono apparse ricolmi di rifiuti.
“In occasione dei festeggiamenti del santo Patrono abbiamo chiesto nei giorni scorsi in forma ufficiale alla ditta di smaltimento rifiuti, IGICA, operante sul territorio; un intervento speciale di spazzamento e raccolta rifiuti almeno nella piazza e nelle strade interessanti ai festeggiamenti – ha dichiarato il sindaco Francesco Piemonte - Questa mattina vi era un cumulo indecoroso di rifiuti ed ho avvertito forte il dovere di fare qualcosa vista l’assoluta latitanza della ditta, a tutti i livelli, dai dirigenti agli operatori ripetutamente chiamati questa mattina, mi sono recato in piazza e aiutato dal consigliere Antonio Ferrara, dalla Protezione Civile, dalla Polizia Municipale e da alcuni cittadini volenterosi, abbiamo cominciato a ramazzare raccogliendo tre camion di immondizia. Certamente scoprirò i responsabili di questo ingiustificabile disservizio – ha aggiunto - assumendo nei loro confronti tutti i provvedimenti a mia disposizione. Non è possibile che il sindaco in momenti di emergenza non possa avere la disponibilità, seppur telefonica, di un servizio così importante come quello della raccolta dei rifiuti. Non posso tuttavia tacere che nella piazza e nella via principale del paese (il cosiddetto centro civile) vi era di tutto: un divano, molte tavole di legno, cassette di legno, numerosissimi cartoni, buste di secco e buste di plastica. Tutti sanno che di domenica non è prevista, per contratto, la raccolta di alcun tipo di rifiuto; tuttavia ci sono sempre i soliti cittadini disonesti, amorali, e delinquenti, che usano la strada come se fosse una discarica. Il mio non voleva essere un gesto di propaganda, ma l’azione disperata di un sindaco che non sa più cosa fare e che chiede con forza aiuto alla parte migliore del paese che ha forse il torto di non ribellarsi contro i cittadini disonesti” conclude.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.