Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

MANIFESTAZIONE TAVERNA DEL RE: SOTTO L'ALBERO DI ECOBALLE


MANIFESTAZIONE TAVERNA DEL RE: SOTTO L'ALBERO DI ECOBALLE
19/12/2007, 11:12

Taverna del Re, fissata per oggi l'udienza reclamo contro la sentenza del Tribunale Civile.

Domani manifestazione delle scuole con padre Alex Zanotelli.
Il raduno in piazza Matteotti è stato annunciato per le 10; il corteo procede lungo corso Campano, poi una sosta in piazza Annunziata davanti all'albero di Natale di "ecoballe".
 
Sono due i procedimenti attivati dal Comune di Giugliano, e ancora in via di definizione, per ottenere la chiusura del sito di stoccaggio di Taverna del Re. Contro la decisione – seguita alla presentazione del ricorso ex art. 700 C.p.c.- è stato presentato reclamo (una sorta di appello) al fine di ottenere l'inibitoria e il ripristino dei luoghi. Verrà discusso domani 19 dicembre 2007, alle ore 10, innanzi al Tribunale Civile di Napoli (giudice relatore dottor Sensale dell'Ottava sez. Civile).

Prevista per oggi la manifestazione delle scuole, alla quale partecipano gli attivisti del presidio di Taverna del Re e gli amministratori locali, insieme con padre Alex Zanotelli.
Raduno in piazza Matteotti alle ore 10, corteo lungo corso Campano, sosta in piazza Annunziata davanti all'albero di Natale di "ecoballe", installazione artistica realizzata da Pino Faiello e Vincenzo Maisto, col sostegno del Comune, in collaborazione con la Proloco Città di Giugliano.
 
Si resta in attesa relazione dei due consulenti nominati dal Giudice per verificare legittimità riapertura del sito di stoccaggio da parte del Commissariato di governo.
 
Si attende, inoltre, dopo la presentazione del ricorso ex art. 669 duodecies avverso la decisione del Commissariato di governo di riprendere a scaricare dopo lo stop imposto dal Tribunale civile il 29 novembre, la relazione dei due consulenti nominati dal giudice Pepe. Devono relazionare sul rispetto delle prescrizioni imposte circa la corretta copertura delle "ecoballe" e la corretta irregimentazione delle acque piovane.

I due tecnici dovranno verificare (e relazionare al Giudice Pepe) se le prescrizioni sono state rispettate o se, invece, la riapertura, è stata illegittima, come sostengono Comune e cittadini, attraverso le istanze dei legali nominati dall'Amministrazione comunale, gli avvocati Antimo D'Alterio e Raffaele Pacilio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©