Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'uomo ha anche tentato di simulare una rapina

Marano di Napoli, torna a casa ubriaco ed uccide la moglie


Marano di Napoli, torna a casa ubriaco ed uccide la moglie
16/01/2012, 10:01

A marano i carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di giugliano con i colleghi della locale tenenza e del nucleo investigativo di castello di cisterna hanno sottoposto a fermo per omicidio giuliano salvatore, 33 anni, già noto alle forze dell'ordine.
Ieri sera, alle ore 19,00 circa, l’uomo con l’aiuto della sorella e di un amico ha trasportato il cadavere della moglie con la sua auto all’ospedale cardarelli di napoli, riferendo vagamente ai sanitari di averla trovata, poco prima, morta nella sua abitazione dopo un tentativo di rapina. I militari dell’arma hanno subito avviato le indagini senza trovare riscontro nel racconto della rapina subita ma hanno accertato che l’uomo, la sera del 14 gennaio, è tornato a casa ubriaco e al culmine di una lite per futili motivi ha picchiato a calci e pugni la moglie cappuccio enza, 33enne del luogo, fino ad ucciderla e il giorno dopo con l’aiuto di 2 complici ha tentato di simulare una rapina in casa portando poi il cadavere della moglie in ospedale. I complici sono stati denunciati in stato di liberta per favoreggiamento personale, mentre il fermato è stato associato nel carcere di poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©