Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Estrae due coltelli a scatto e lo aggredisce alle spalle

Marcianise: Accoltella e uccide dopo una lite per un motorino

La vittima si chiamava Carmine De Simone, 53 anni

Marcianise: Accoltella e uccide dopo una lite per un motorino
06/01/2013, 20:45

MARCIANISE (CASERTA) - Davanti al Commissariato di polizia di Marcianise un uomo di 53 anni ha perso la vita. E' stato ucciso a coltellate per una lite scoppiata a causa di un motorino parcheggiato. Il responsabile, un sessantaseienne è stato arrestato per omicidio volontario. La vittima e l'assassino vivevano nello stesso edificio e tra loro è sorta una lite per un motorino parcheggiato.
Si chiamava Carmine De Simone l'uomo assassinato ed era un bidello, ha lasciato una moglie e 3 figli maggiorenni. L'uomo è stato dapprima soccorso da uno dei figli ed è stato condotto all'ospedale di Marcianise in condizioni molto gravi. Poi è stato trasferito al Cardarelli di Napoli, dove è deceduto. L'aggressore Antonio Parolise è pensionato e vedovo. E' stato fermato poco dopo l'omidio.
Il pm si è recato sul luogo dell'omicidio in via Montevergine e sta ascoltando i testimoni, tra cui gli inquilini del palazzo in cui vivevano i due uomini. Sulla base delle prime testimonianze, l'episodio si sarebbe verificato alle 8:30, quando l'uomo di 66 anni ha aggredito De Simone perché voleva che smettesse di parcheggiare il motorino sotto la finestra della sua abitazione al pian terreno. L'aggressore avrebbe poi urlato che non voleva più "vedere quel mezzo". Quando De Simone si è girato per allontanarsi, Parolise avrebbe estratto due coltelli a scatto, di cui uno con una lama di 20 centimetri e lo avrebbe colpito almeno 3 volte alle spalle.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©