Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Seguono Marche, Toscana ed Abbruzzo

Mare pulito: 231 bandiere blu, in testa la Liguria


Mare pulito: 231 bandiere blu, in testa la Liguria
11/05/2010, 20:05

MILANO – La Liguria è la Regione italiana in testa alla classifica con 17 località a cui la Federazione per l’educazione ambientale ha assegnato la bandiera blu per il mare pulito. Seguono Marche, Toscana e Abruzzo. I riconoscimenti vengono assegnati dalla Federazione sulla base della pulizia dell’acqua, dei servizi a impatto zero, dell’accessibilità delle spiagge. Nel 2010 sono quattro in più le spiagge italiane  sulle quali sventolerà la bandiera blu. Complessivamente sono 231, rappresentative di 117 comuni italiani e corrispondenti a circa il 10% delle spiagge premiate a livello internazionale. La Liguria, con 17 località , una in più dello scorso anno, è in testa alla classifica regionale. Seguono Marche e Toscana, a pari merito con 16 località, l’Abruzzo è al quarto posto con 13 bandiere. A quota 12 la Campania che conferma le località della precedente edizione; la Puglia ne conquista raggiungendo a quota 8 l’Emilia Romagna (dove sono riconfermate le stesse località dello scorso anno). Nessuna novità per il Veneto (6), mentre il Lazio arriva a quota 5, superando la Sicilia e la Calabria che sono stabili a 4; il Friuli Venezia Giulia e la Sardegna riconfermano le 2 dell’anno scorso, e vengono raggiunte dal Piemonte, che giunge a quota 2 bandiere (per i laghi); fanalini di coda Molise e Basilicata, con una sola bandiera blu. Una menzione speciale va a Menfi che è stata premiata con la 14/a Bandiera Blu d’Europa per il suo mare pulito e le sue spiagge. Si tratta della 13/a di fila, dal 1998, infatti, il Comune riceve questo premio assegnato dalla Fee (Fondazione per l’educazione ambientale). La cerimonia di consegna dell’ambito riconoscimento europeo si è svolta a Roma, il sindaco Michele Botta ha ricevuto il vessillo blu, in rappresentanza della città del vino e del mare pulito.
 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©