Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Domani incontro con Vittorio Russo

Maresca, Borriello con il Comitato: "Basta false promesse"

Sciopero della fame e della sete al pronto soccorso

.

Maresca, Borriello con il Comitato: 'Basta false promesse'
28/06/2011, 14:06

TORRE DEL GRECO - Sono ore drammatiche all'ospedale Maresca di Torre del Greco. La decisione del direttore sanitario di chiudere, data 10 luglio, il pronto soccorso di pediatria, ha scatenato una nuova bufera al nosocomio di via Montedoro. I membri del comitato Pro Maresca sono nuovamente sul piede di guerra. Stavolta non bastano le parole, troppo spesso andate al vento negli ultimi tempi. Di "prese in giro" non si può più vivere a Torre del Greco e per questo alcune donne del Comitato, a turno, hanno deciso di mettere in atto uno sciopero della fame e della sete. "Niente cibo nè acqua fino a quando non avremmo risposte - commenta Pina Vitiello, da mesi in prima linea per la salvaguardia dell'ospedale Maresca - sono già quarant'otto ore che siamo qui al pronto soccorso dell'ospedale, e ci resteremo in attesa di qualche impegno concreto". Impegno che negli ultimi due giorni non è arrivato. Oggi era previsto un incotnro tra il sindaco torrese Ciro Borriello ed il commissario straordinario dell'Asl Na3 Sud, Vittorio Russo. Incontro slittato a domani, tra le nuove polemiche dei cittadini. Tant'è che, nel primo pomeriggio, lo stesso sindaco Borriello ha deciso di raggiungere l'ospedale Maresca per dar man forte alla battaglia intrapresa dalle donne del Comitato: "Torre del Greco intera  - ha commentato il primo cittadino corallino - deve dire grazie a queste persone. Io sono qui per stare al loro fianco. Ci hanno fatto delle promesse riguardo al futuro del Maresca, ma le decisioni poi prese per pediatria ed urologia vanno in controtendenza con quanto pianificato. Se vogliono uccidere lentamente questo ospedale è bene che lo dicano!".

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©