Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Manca la vigilanza notturna in ospedale. Paura nella notte

Maresca senza controllo. Rapinata una paziente

Il Comitato: "Ci stanno togliendo tutto"

.

Maresca senza controllo. Rapinata una paziente
18/06/2011, 12:06

TORRE DEL GRECO - E’ allarme sicurezza all’ospedale Maresca di Torre del Greco. E come spesso accade, dopo aver fatto orecchie da mercante alle continue segnalazioni da parte dei cittadini, si è dovuto attendere il fatto compiuto per poter prestare attenzione ad un problema serio. Il fatto, nel caso, è avvenuto nella notte. Ignoti si sono introdotti nel reparto medicina del nosocomio di via Montedoro ed hanno aggredito e rapinato un’anziana paziente. I ladri hanno approfittato, secondo quanto dichiarato da alcuni testimoni, dell’assenza della vigilanza all’ingresso dell’ospedale. Una volta entrati, hanno preso di mira prima la badante dell’anziana paziente, a cui sono stati sottratti dei soldi, e poi la donna stessa. A nulla è servita la reazione della giovane assistente della paziente, la quale è stata aggredita dai malviventi che hanno portato via anche degli orecchini della donna ed alcuni oggetti preziosi. “Un po’ alla volta ci stanno togliendo tutto – ammette Pina Vitiello, membro del comitato Pro Maresca che da mesi combatte contro il declassamento dell’ospedale torrese – Ci hanno tolto la guardia notturna, il che è un rischio evidente per tutti. Qui il problema non si crea più solo per le attrezzature importanti e costose che si trovano nell’ospedale e che non sono controllate, ma ora anche per gli stessi pazienti. Il reparto di medicina di notte  abbandonato da ogni controllo”. Stesso grido d’allarme lanciato dai comitati cittadini: “Siamo preoccupati – commenta Giuseppe Speranza, presidente del comitato di quartiere Torre Nord – perché qui ne va di mezzo la sicurezza fisica e non solo sanitaria dell’ammalato. Il servizio di vigilanza è stato ridimensionato, ma era e resta necessario anche di notte”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©