Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capo treno salvo grazie all'intervento dei passeggeri

Marocchino aggredisce controllore sul treno, bloccato da tre militari liberi dal servizio


Marocchino aggredisce controllore sul treno, bloccato da tre militari liberi dal servizio
17/09/2009, 10:09


Voleva continuare il viaggio sul treno senza pagare il biglietto. Quando il controllore gli ha detto che doveva scendere, è andato in escandescenze ed ha picchiato selvaggiamente il ferroviere con calci e pugni. Il fatto è accaduto martedì sul treno regionale Paola-Sapri nel tratto compreso tra Maratea e Sapri. Il controllore aveva appena chiesto il biglietto ad un cittadino di origini marocchine, con regolare permesso di soggiorno, quando è stato aggredito barbaramente da quest’ultimo. Testimoni della scena, tre giovani che lavorano alla Capitaneria di Porto di Cetraro, che sono intervenuti immediatamente in difesa del controllore, immobilizzando l’uomo e consegnandolo al vicino posto di polizia ferroviaria di Sapri. 
I  tre militari liberi dal servizio (Daniele Quintieri di Sapri, Marco Boschetti di Napoli e Raffaele Forte di Salerno) hanno dovuto faticare non poco prima di riuscire a bloccare il marocchino che continuava a scagliarsi con violenza contro di loro. Uno dei tre, Daniele Quintieri, è stato costretto a recarsi nell’ospedale dell’Immacolata di Sapri per una ferita all’avambraccio destro procuratasi durante la colluttazione. Ammutoliti i passeggeri del treno che hanno assistito in silenzio alla colluttazione e che alla fine hanno ringraziato i militari. Ulteriori indagini sono in corso da parte della polizia ferroviaria saprese per ricostruire la vicenda. Intanto il marocchino è stato denunciato a piede libero all’autoritá giudiziaria della Procura della Repubblica di Sala Consilina che potrá richiedere nelle prossime ore l’arresto dell’uomo. Intanto soddisfazione è stata espressa ai tre militari dai vertici delle Ferrovie dello Stato per aver prestato immediatamente soccorso al capotreno. La notizia ha fatto rapidamente il giro del comprensorio dove è la prima volta che si verifica un episodio di violenza di questo tipo.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©