Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Marocchino semina panico a stazione Circumvesuviana, arrestato


Marocchino semina panico a stazione Circumvesuviana, arrestato
30/01/2010, 12:01


NAPOLI -  Ieri sera, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, hanno arrestato Kabir Zaccain, 30enne marocchino, per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali dolose, danneggiamento e violazione di un’Ordinanza di allontanamento dal territorio dello Stato.
I fatti si sono svolti alle 19.00 circa, presso la stazione Terminale della Circumvesuviana di Corso Garibaldi, dove Zaccain, in uno stato di forte agitazione, stava aggredendo con violenza alcune guardie particolari giurate in servizio presso i varchi di accesso ai treni impugnando come arma un espositore di cartoline.
I poliziotti appena giunti sul posto hanno quindi immediatamente provato a bloccare Zaccain che per tutta risposta ha rivolto verso di loro la sua furia colpendoli con calci pugni e violenti spintoni.
Solo dopo una violenta colluttazione e grazie alla superiorità numerica, gli agenti sono riusciti ad aver ragione dello straniero che è stato quindi subito arrestato e condotto presso l’Ufficio Prevenzione Generale.
I due poliziotti si sono poi recati presso l’Ospedale San Giovanni Bosco dove i sanitari hanno ad entrambi riscontrato traumi contusivi guaribili in cinque giorni.
Sul luogo della violenta azione è stata poi accertata dalla Polizia, la presenza di notevoli danni alle vetrate di ingresso ai varchi e di due guardie particolari giurate ferite. Queste ultime sono state accompagnate presso il pronto soccorso del Santa Maria di Loreto dove i sanitari hanno loro riscontrato vari traumi e contusioni giudicati guaribili rispettivamente in 7 e 5 giorni.
Riguardo la sua posizione in merito alla normativa sull’immigrazione, Zaccain è risultato privo di documenti e con a carico un provvedimento del Questore di Napoli che ne chiedeva l’allontanamento dal territorio nazionale.
In giornata Kabir Zaccain sarà processato con rito per direttissima.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©