Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

L'imputato nega ogni responsabilità

Marra al processo: "Sono finito in mezzo ad una guerra interna di M5S"


Marra al processo: 'Sono finito in mezzo ad una guerra interna di M5S'
12/04/2019, 16:54

ROMA - Oggi interrogatorio dell'imputato durante il processo su Raffaele Marra. Un interrogatorio nel quale Marra ha negato ogni responsabilità dei reati che gli sono stati contestati, asserendo di essere stato scelto per le sue qualità di amministratore sia dalla giunta Raggi, sia dalla giunta Alemanno, sia dalla giunta Marino ed anche alla Regione quando c'era Renata Polverini. Nella sua deposizione, Marra ha anche spiegato la situazione dal suo punto di vista: "Mi sono trovato in una guerra tra gruppi all'interno agli M5S. Quelli che stavano con la sindaca Raggi e quelli che invece stavano con Roberta Lombardi. Io non avevo gruppi ma ero percepito come vicino alla sindaca, ma io non ho fatto politica: era un massacro sui giornali tutti i giorni". 

Nello specifico delle accuse che gli sono contestate, ha detto che lui non ha interferito minimamente con la nomina del fratello Renato, dato che la competenza di quella nomina era solo del sindaco Virginia Raggi (che è già stata assolta in primo grado per questa vicenda, ndr). Inoltre ha aggiunto che l'aumento di stipendio era normale in quanto previsto nella nomina e nelle competenze insite nella nomina stessa. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©