Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

“La prima cosa che farò: andrò al mare”

Massacro Novi Ligure: Omar domani torna libero


Massacro Novi Ligure: Omar domani torna libero
02/03/2010, 22:03

ASTI - Tornerà definitivamente libero, nella giornata di domani, Omar Favaro, il giovane che il 21 febbraio del 2001, quando aveva appena 17 anni, aiutò la fidanzatina, Erika De Nardo, a uccidere la madre e il fratellino della ragazza, in una villetta del quartiere Lodolino di Novi Ligure in provincia si Alessandria.
Susi Cassini e Gianluca De Nardo, le vittime, furono colpite con decine di coltellate. Un massacro che per la sua efferatezza sconvolse l'Italia e che, nelle primissime ore, era stato attribuito, secondo il racconto di Erika, ad una fantomatica banda di rapinatori immigrati.
La terribile verità soltanto qualche giorno dopo: ad uccidere Susi e Gianluca erano stati i due ragazzi.
Omar era stato condannato a 14 anni di carcere; Erika a 16. Poi, per entrambi, sono arrivati gli sconti di pena e, per Omar, la concessione del regime di semilibertà durante il quale il giovane ha lavorato ad Asti come giardiniere, guadagnando 600 euro al mese e comportandosi sempre, secondo gli agenti della questura incaricati di seguirlo, come un detenuto modello.
Adesso,  dunque, il magistrato di sorveglianza ha concesso a Favaro i 45 giorni di libertà anticipata relativa all'ultimo semestre di pena espiata. La pena sarebbe, infatti, scaduta il prossimo 17 aprile.
Soddisfatti anche i genitori che non hanno mai smesso di restargli accanto: da Alessandria, dove abitavano, si sono anche trasferiti ad Asti. E ogni giorno, alle 12:30, Omar è andato a pranzo a casa loro.
Omar, oggi, dice di avere dimenticato Erika, la principale protagonista del duplice omicidio con la quale aveva progettato di fuggire dopo il massacro. ''Oggi mi è indifferente, non mi interessa, capitolo chiuso, non le porto nemmeno rancore'': queste le parole del giovane ai pochi giornalisti che in questi anni sono riusciti ad avvicinarlo.
In ogni caso, la prima cosa che Omar farà da uomo nuovamente libero, è un tuffo al mare. Il suo primo sogno appena uscito di prigione? : ''Farmi una bella nuotata al mare: sono dieci anni che non ci vado''.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©