Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'europarlamentare: "Non prendiamo soldi pubblici"

Mastella non paga l'affitto, sfrattata la sede romana dell'Udeur


Mastella non paga l'affitto, sfrattata la sede romana dell'Udeur
04/05/2012, 10:05

ROMA - Tra i tanti poveri cristi che vengono sfrattati oggi, magari per non aver pagato qualche mese di affitto, da oggi ce n'è uno illustre. Si tratta di Clemente Mastella, segretario dell'Udeur ed ora europarlamentare con il Pdl. Il quale non paga l'affitto della sede nazionale romana del partito, in via Dandolo, 24, dall'estate scorsa. E così già a dicembre gli attivisti hanno svuotato l'appartamento, come riferisce il Corriere della Sera, lasciando però un debito di oltre 25 mila euro, tra affitto e condominio non pagato. Una cifra notevole, anche considerando che stiamo parlando di un appartamento di 6 stanze e 140 metri quadri siti al pian terreno di quell'edificio. Ovviamente sono immediatamente partite le procedure legali per lo sfratto, con ingiunzione di sfratto già a dicembre e decreto notificato il 21 marzo.
Contattato dal Corriere, Mastella ha spiegato il perchè di questo sfratto: "É vero, ce ne siamo dovuti andare e ora non abbiamo una sede nazionale per una questione di costi. Noi non essendo presenti in Parlamento non possiamo contare su grandi finanziamenti e l'affitto era troppo alto. Abbiamo provato a pagarlo autotassandoci tra pochi amici, ma alla fine ci siamo dovuti arrendere. Il nostro core business d'altronde è in Campania, lì mica possiamo chiudere sedi". Strana affermazione per una persona che nel 2008 ha preso circa 300 mila euro di "buonuscita" dal Parlamento dopo una ventina di anni di stipendi da parlamentare e che adesso sta prendendo uno stipendio da europarlamentare altrettanto alto. Con tutti questi soldi guadagnati, ha bisogno del finanziamento pubblico per pagare l'affitto?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©