Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Elusi 112 milioni di euro da 2 società con sede in Svizzera

Maxi evasione nel Comasco, la scoperta della Gdf


Maxi evasione nel Comasco, la scoperta della Gdf
27/05/2010, 18:05

E' stata la guardia di finanza di Olgiate Comasco a scoprire una corposa azione d'evasione fiscale operata da due aziende con sede in Svizzera che, grazie al dislocamento territoriale, hanno eluso al fisco circa 112 milion di euro. Le imprese agivano nel settore dell'abbigliamento e, secondo le indagini portate avanti con successo dalla gdf, vendevano enormi quantità di prodotti qui in Italia; rendendo quindi la loro attività commerciale assoggettabile al regime fiscale del bel paese.
A tradire l'amministratore delle due aziende sarebbero stati i movimenti registrati dal telepass del direttore commerciale che, con i suoi numerosissimi e costanti attraversamenti di frontiera, avrebbe dimostrato il traffico di merci gestito nella penisola ma non fatturato.
Gli operatori della Guardia di Finanza, infatti, hanno scoperto che le due aziende con sede elvetica vendevano la maggior parte dei propri prodotti ad imprese italiane con sede a Roma, Napoli, Parma, Torino, Piacenza, Bergamo e Rimini. Grazie ai controlli incrociati effettuati anche con la collaborazione della Società Autostrade, dunque, si è scoperto che il responsabile vendite agiva quasi esclusivamente in Italia e che, dunque, le sedi costituite in Svizzera servivano esclusivamente a "risparmiare" sulle imposte vigenti nel nostro territorio. In tutto, la Gdf, ha valutato 112 milioni di introiti non registrati, denunciando l'amministratore e sottoponendo la cifra alla tassazione diretta ed indiretta prevista dal fisco italiano.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©