Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Scoperti dalla finanza Palermitana due Napoletani

Maxi sequestro di banconote false. Piu di 200.000.00 euro


Maxi sequestro di banconote false. Piu di 200.000.00 euro
10/10/2011, 10:10

Palermo, 10 ottobre 2011 - Le Fiamme Gialle alle prime ore dell'alba, avevano notato sbarcare un paio di passeggeri da una nave proveniente da Napoli, che si erano affrettati a chiamare un taxi per uscire dal porto. I finanzieri insospettiti dell'atteggiamento delle due persone, hanno deciso cosi di controllare, assieme alle altre auto che li precedevano, il taxi . All'arrivo dei finanzieri e della squadra dell'unità cinofila, i due hanno dato segnali di nervosismo ed insofferenza dando motivazioni molto vaghe sul perchè del viaggio. L'identificazione dei due ha permesso di riscontrare sul loro conto che sono due napoletani con numerosi precedenti di polizia per falsificazione di moneta. I finanzieri hanno quindi proceduto, in base alla normativa doganale, ad un’attenta ispezione dei loro bagagli che ha consentito di rinvenire, in una busta occultata tra gli indumenti e gli effetti personali di una valigia, un plico sigillato apparentemente anonimo, al cui interno erano conservati mazzette di danaro da 20, 50 e 100 euro, per un valore complessivo di 220.000 euro (1.400 banconote da 100 euro, 1.000 da 50 euro e 1.500 da 20 euro), in 3900 banconote,"di fattura particolarmente pregevole, in quanto realizzata con una notevole attenzione nel riprodurre le caratteristiche di sicurezza esistenti sulle banconote vere, in modo tale da ingannare piu’ facilmente i consumatori". I falsari , infine, si è scoperto che oltre alla riproduzione della carta filigranata con rilievi e consistenza al tatto molto simili alle banconote autentiche, cercando ri realizzare con la stampa il "filo di sicurezza" sono riusciti anche a riprodurre alcuni "micro-caratteri"anche difficilmente visibili a occhio nudo, gli ‘’ologrammi’’, la striscia brillante sui tagli bassi e su quelli elevati, il numero del taglio di colore cangiante. I Finanzieri hanno cosi scoperto che l'ingente partita di denaro falso era pronto per essere inmesso nel mercato Palermitano. Quello di oggi è stato un sequestro record in ambito di moneta falsa in Italia.

Uno è stato arrestato mentre l'altro è stato deferito all'Autorità Giudiziaria in stato di libertà a causa del suo stato d'invalidità permanente.

Commenta Stampa
di Maurizio Abbruzzese Saccardi
Riproduzione riservata ©