Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Oltre una tonnellata occultata sotto un cavalcavia

Maxi sequestro di hashish nel salernitano

46enne di Castellammare arrestato in flagranza di reato

Maxi sequestro di hashish nel salernitano
11/04/2012, 09:04

Durissimo colpo inferto alla malavita dell'hinterland napoletano e salernitano che gestisce le piazze di spaccio della zona. Questa notte i finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Napoli, nel corso di un’eccezionale operazione di servizio, ha scoperto e sequestrato nel comune di Angri (Sa) ben 1.220 kg di hashish ed e’ stato arrestato in flagranza di reato un napoletano, Stefano Apicella, 46enne originario di Castellammare di Stabia (na), il quale era riuscito ad architettare un singolarissimo - e sinora sconosciuto - sistema di occultamento della sostanza stupefacente.

I finanzieri del gruppo operativo antidroga (GOA) del nucleo pt di napoli, a seguito di normali servizi di perlustrazione lungo le principali arterie viarie di accesso al capoluogo partenopeo, hanno individuato e pedinato una persona sospetta che, a bordo della propria autovettura, una smart, si recava da Santa Maria la Carita’ (Na) in un’area adibita al rimessaggio di autoarticolati, posta al di sotto di un cavalcavia della strada statale 268 “del vesuvio” che collega il capoluogo partenopeo all’agro nocerino-sarnese, nei pressi dell’uscita Angri (Sa), in zona Orta Longa.

Dopo aver osservato in maniera occulta gli strani spostamenti del soggetto all’interno dell’autovettura: Il 46enne, procedeva con circospezione utilizzando spesso gli specchi retrovisori ed effettuando, nel contempo, improvvise accelerate e rallentamenti, i militari operanti decidevano di irrompere nel parcheggio, al fine di procedere ad un’accurata perquisizione degli automezzi stazionanti nell'area, nell’ipotesi che essi potessero essere stati utilizzati per trasportare carichi di droga.

All’esito delle prime attività di polizia giudiziaria non veniva rinvenuto alcunche’ di illecito. Tuttavia, poiche’ il soggetto, che dichiarava di essere il rappresentante legale della ditta che gestiva l’area adibita a parcheggio, palesava un crescente ed ingiustificato nervosismo, i militari delle fiamme gialle decidevano di insistere in maniera piu’ minuziosa nelle attivita’ di controllo, estendendo l’ispezione anche alle strutture fisse presenti nell’area.

Da un’attenta e ravvicinata osservazione dei piloni che sostenevano il cavalcavia della sovrastante strada statale 268 “del vesuvio”, si appurava che una trave portante differiva da tutte le altre per tipologia di materiale e per caratteristiche tecniche.

In particolare, mentre la struttura del viadotto era prevalentemente in cemento armato (cd. “jersey”), la trave in questione era in acciaio e, nella parte inferiore, presentava delle aperture circolari, aventi un diametro di circa un metro, che probabilmente, in condizioni normali, consentono al personale addetto alla manutenzione del ponte di introdursi nelle intercapedini naturali che proseguono in orizzontale per decine di metri.

Questo ulteriore dettaglio ha suggerito ai finanzieri di ispezionare accuratamente anche la struttura posta, ad un’altezza di circa 10 metri, proprio al di sotto del cavalcavia, dove, all’interno di un vano naturale, venivano rinvenute nr. 38 valigette cellophanate di hashish per un peso complessivo di 1.220 kg.

Apicella, responsabile della ditta di autotrasporti utilizzatrice dell’area di parcheggio, veniva tratto in arresto in flagranza di reato per i delitti previsti e puniti dall’art 73 del d.p.r. 309/90 (traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti) ed associato presso la casa circondariale di fuorni – salerno, in attesa delle determinazioni dell’a.g. di nocera inferiore.

La droga sequestrata, di ottima qualita’, avrebbe alimentato le piazze di spaccio dislocate sull’intero territorio campano, dove, attraverso il meccanismo della vendita al dettaglio, avrebbe fruttato, alle organizzazioni criminali, proventi illeciti per circa 12 milioni di euro.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©