Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Furono aggrediti a colpi di machete lo scorso giugno

Medaglia al valore civile per i ferrovieri aggrediti a Milano

Maroni: "Faremo il possibile per garantire la sicurezza"

Medaglia al valore civile per i ferrovieri aggrediti a Milano
27/10/2015, 16:52

MILANO - Carlo Di Napoli e Riccardo Magagnin, i due ferrovieri di Trenord che la notte dell’11 giugno furono aggrediti a colpi di machete da una gang sudamericana ad una fermata del treno, hanno ricevuto una medaglia al merito civile. “Non è giusto uscire per andare al lavoro e rischiare così…vorrei che quello che è accaduto a me non si ripeta più”, ha detto Di Napoli. “Riconosciamo il valore, l'impegno e la dedizione di questi ferrovieri e ribadiamo che la Lombardia non cede alla violenza. Facciamo e faremo tutto il possibile per garantire la sicurezza di chi viaggia e soprattutto di chi lavora sui treni regionali”, ha dichiarato il governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni.

“Siete voi le istituzioni che dovete far sì che quello che è avvenuto non accada mai più e state muovendo i primi passi. Emotivamente adesso sto bene, sto approfittando di questo momento di degenza per godermi la bambina: quando non è all'asilo ma a casa sto sempre a giocare con lei, a tenerla in braccio, ogni occasione è buona. Quando quella notte ero inginocchiato e mi reggevo il braccio, premevo l'arteria per cercare di perdere meno sangue possibile e i miei pensieri ricorrevano sempre a mia moglie, che non era giusto che tutto ricadesse sulle sue spalle, e alla mia bambina, che non era giusto che perdesse l'affetto del suo papà e io non potessi più riabbracciarla”, ha raccontato il ferroviere, che ha dichiarato di stare meglio e fare continui progressi con il braccio, che ha rischiato di perdere durante l’aggressione. I due ferrovieri sono stati aggrediti alla stazione di Villapizzone. Dopo quell’episodio, la Regione ha elaborato un piano per mettere 150 vigilantes privati sui treni e nelle stazioni lombarde più a rischio.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©