Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Mega truffa all'Asl di Bologna con ricette false, 50 indagati


Mega truffa all'Asl di Bologna con ricette false, 50 indagati
09/07/2009, 20:07

Un sistema truffaldino organizzato su ricette false, intestate anche a persone decedute, poi rigirate a farmacisti compiacenti, con obiettivo i rimborsi dell’Asl: è quanto scoperto nell’inchiesta condotta dal pm Enrico Cieri, e che coinvolge una cinquantina fra medici (uno dei quali libero professionista) e farmacisti. La truffa era organizzata da un solo informatore scientifico attivo tra Bologna e Romagna, con vittima l’Asl di Bologna.
Decine di pazienti sono stati già sentiti, e gli interrogatori hanno dimostrato che le ricette erano state compilate dai medici scegliendo spesso dei nomi a caso. Il danno economico al Servizio Sanitario Nazionale è stato stimato in circa un milione e mezzo di euro. I farmaci scelti erano di quelli più costosi, per ottenere il massimo guadagno col minimo rischio: farmaci antitumorali, usati per le chemioterapie, per patologie gastroenteriche e dell’Hiv, tutti con costi tra i 50 e i 2mila euro.
Secondo l’indagine risultano coinvolte tre o quattro farmacie, mentre i medici (oncologi, gastroenterologi, infettivologi) sono liberi professionisti e ospedalieri e collaborano con l’Asl di Bologna, con l’Ant, col Sant’Orsola, con l’Asl di Cento, di Ferrara e di alcune città romagnole. Insieme ai farmacisti e ai rappresentanti delle ditte, sono tutti indagati per truffa ai danni dello Stato e falso in certificazione sanitaria. Un buon numero di loro deve inoltre rispondere di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, mentre per alcuni sarebbe scattata anche l’accusa di corruzione.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©