Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Melito di Napoli, controlli dei carabinieri per bloccare le piazze di spaccio


Melito di Napoli, controlli dei carabinieri per bloccare le piazze di spaccio
09/11/2012, 11:53

A melito di Napoli, ieri sera, i carabinieri della compagnia di giugliano in campania insieme a colleghi del battaglione campania hanno effettuato un servizio ad “alto impatto” nel complesso di edilizia popolare chiamato “rione 219”. I militari dell’arma hanno preventivamente circondato la zona, che veniva sorvegliata dall’alto con il supporto di un velivolo dell’elinucleo di pontecagnano (sa), e hanno proceduto a perquisizioni per blocchi di edificio e nei garage della zona, in particolare di via arno e via lussemburgo, con il supporto di unità cinofile antidroga e per la ricerca di armi. Nel corso di controlli e perquisizioni sui numerosi veicoli in sosta nella zona i militari dell’arma hanno scoperto che dentro una ford fiesta risultata di proprietà di un 79enne, auto che si trovava in evidente stato di abbandono e aperta, c’era una pistola calibro 9 mm senza matricola e con filettatura sulla canna per l'apposizione di un silenziatore. La posizione del vecchietto è ancora al vaglio degli investigatori. I controlli a pregiudicati e personaggi d’interesse operativo della zona, hanno portato all’individuazione e all’arresto di un uomo di 56 anni, del luogo, già noto alle forze dell'ordine, destinatario di un ordine di carcerazione emesso il 2 novembre dalla procura napoli dovendo espiare la pena di 2 anni di reclusione per ricettazione nonchè all’arresto nella sua abitazione di un 33 anni, del luogo, già noto alle ffoo e sottoposto alla detenzione domiciliare per rapina, destinatario di una ordinanza di aggravamento della misura detentiva emessa il 5 novembre dall’ufficio di sorveglianza di napoli dopo che i carabinieri avevano segnalato una sua violazione agli obblighi imposti con la misura più favorevole. L’arma era pronta a sparare, con colpo in canna e 10 cartucce nel caricatore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©