Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

MERATE, 17ENNE INVESTITO SABATO SERA RESTA IN COMA


MERATE, 17ENNE INVESTITO SABATO SERA RESTA IN COMA
13/01/2009, 07:01

Restano gravissime le condizioni del 17enne travolto sabato notte da un ubriaco a un incrocio di Merate. Il ragazzo è ricoverato in coma nel reparto di Rianimazione all'ospedale Sant'Anna di Como. Secondo quanto fanno sapere i medici, risponde positivamente agli stimoli ma è troppo presto per poterlo dichiarare fuori pericolo. La Fiat 600 ha carambolato per metà scivolando sull'asfalto ghiacciato, fermandosi a ridosso del marciapiede. Il conducente, Marco Brivio 38 anni di Merate, è fuggito spegnendo anche i fari della vettura un attimo prima di transitare davanti alla caserma dei carabinieri. Operaio incensurato, è stato invece rintracciato grazie ai filmati delle telecamere pubbliche piazzate in zona. Il filmato, mostrato fra l'altro ieri durante una conferenza stampa dei carabinieri, propone immagini da brividi: si vede il sopraggiungere della moto Aprilia da una parte e dell'auto dall'altra. La Fiat prosegue senza dare la precedenza. L'impatto è violentissimo. La moto va a pezzi mentre il ragazzino viene sbalzato a diversi metri di distanza e la vettura si allontana scomparendo nel buio. Fortunatamente subito dopo arrivano due fidanzati. Scatta l'allarme, arrivano i soccorritori. Partono le indagini. Il 17enne viene, intanto, portato al Mandic di Merate e poco più tardi trasferito a Como con l'eliambulanza del 118. I carabinieri, nel frattempo, hanno 'letto' la targa dell'auto investitrice intestata a una donna.
 Lei spiega di averla prestata al fratello che, sottoposto al test del tasso alcolico, ne ha evidenziato uno pari al doppio del limite consentito, 1.01 g/l e  che al momento dell'incidente si presume fosse ancora superiore. Per lui le accuse sono di lesioni gravissime, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza. L'uomo ha ammesso. Oggi pomeriggio la convalida del fermo. La vettura, con gli evidenti segni dell'impatto, è stata posta sotto sequestro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©