Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Mercato di campagna amica con l’olio d’oliva novello protagonista


Mercato di campagna amica con l’olio d’oliva novello protagonista
18/11/2011, 15:11

L’appuntamento a Napoli con il mercato di Campagna Amica e l’acquisto diretto dai produttori agricoli senza superflue intermediazioni speculative di prodotti del territorio campano di domenica 20 novembre sarà dedicata su iniziativa di Coldiretti e del Comune di Napoli all’olio d’oliva novello che sarà proposto dalle aziende agricole partecipanti a prezzi promozionali d’offerta.
Con una giornata dedicata al tipico prodotto autunnale la campagna sana torna in città e i gazebo gialli degli agricoltori con i loro prezioso carico di prodotti genuini a prezzi convenienti saranno presenti, dalle 8 alle 14 in Piazza Dante e in Piazza San Vitale nel segno della promozione delle risorse agroalimentari di qualità del territorio campano, dell’educazione al consumo critico e consapevole, della filiera breve produzione consumo, della qualità, della trasparenza dal campo alla tavola, della stagionalità, del risparmio, della territorialità e della sana alimentazione.
L’appuntamento sarà anche occasione di stimolare nei cittadini una più forte coscienza ambientale. Coldiretti insieme al Comune di Napoli oltre a curare l’allestimento di numerosi stand con prodotti del territorio e favorire il consumo di olio novello per i suoi pregi nutrizionali offrendolo a prezzi scontati, attraverso una ditta convenzionata, promuove la campagna "Non buttarlo nel lavandino ……. o siamo fritti" con informazioni dedicate al servizio di raccolta degli oli vegetali esausti a titolo gratuito mediante dei contenitori ad alta capienza.
I cittadini avranno la concreta occasione di acquistare prodotti di stagione a kilometro zero e portarsi a casa produzioni di qualità espressione del valore dell’agricoltura tipica e di qualità.
Sarà possibile acquistare produzioni ortofrutticole di stagione di origine e qualità certa, con il loro contribuito di varietà e freschezza, insieme al miele, alle conserve di ortaggi e frutta di vario genere, agli olii extravergini d'oliva, ai vini, ai formaggi, ai salumi e ai dolci tipici, ma, ideale con il suo sapore e le sue proprietà per alimentarsi in maniera gustosa e sana e difendersi dal diffondersi delle malattie causate dalla cattiva alimentazione, a fare da protagonista dei due appuntamenti sarà l’olio d’oliva novello che sarà offerto per una migliore conoscenza dei suoi pregi nutrizionali a prezzi speciali e scontati di offerta privi di ogni superflua intermediazione direttamente dai produttori.
Con l’iniziativa verrà presentato, con riferimento alla specificità del suo legame con l’ambiente e il territorio di origine, le caratteristiche di un prodotto come l’olio d’oliva novello campano che è insieme uno dei simboli più significativi di una grande tradizione alimentare e produttiva e del valore nutrizionale e di gusto della tipicità in assoluto.
L'olio novello, proposto al consumo immediato, ossia subito dopo la molitura e senza filtraggi, presenta caratteristiche di delicatezza ed è armonioso nella sua varietà di amaro e piccante, rivelandosi con nette sensazioni di fresco e profumato. L'olio novello prodotto dalle olive campane presenta una precocità di maturazione che lo rende ottimale già ai primi d'ottobre. Dalle numerose varietà di olive campane in purezza, si ottiene un olio extra vergine fortemente connotato, delicato, armonico, particolarmente adatto al consumo immediato per le sue caratteristiche e per i vantaggi salutistici e sensoriali che la sua freschezza implica. Quindi non un comune olio "nuovo" ma un vero e proprio olio "novello" che ne permette una ottima accettabilità da parte del consumatore ma anche l'abbinamento a piatti particolarmente delicati. L'olio d'oliva componente centrale della dieta mediterranea, è da tempo associato a molteplici effetti benefici per la salute, riducendo rischio di infarto e ictus, alcuni tipi di tumore e di demenza. In particolare - precisa la Coldiretti - l’ olio novello vanta tutti i benefici dell’olio meno giovane, ma dà un pizzico di salute in più proprio per il sapore pungente che si avverte in gola gustando un buon piatto condito con questo prodotto “fresco”.
La produzione di olio di oliva nel 2011 in Italia è stimata in calo di almeno il 5 per cento con la raccolta delle olive che è iniziata in alcune zone anche un mese in anticipo per effetto del caldo e della ridotta piovosità estiva e autunnale. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base delle previsioni Ismea nel sottolineare che in alcune zone i raccolti si sono ridotti fino a valori anche del 50 per cento.
Il caldo ha provocato - sottolinea la Coldiretti - un anticipo di maturazione delle olive con una diminuzione delle rese anche se la qualità viene giudicata buona. Il risultato – precisa la Coldiretti - è che è stato già possibile in alcune zone cominciare ad assaggiare l’olio novello - cosi’ si chiama quello in vendita sino a non piu’ di 4 mesi dall’estrazione - che si caratterizza per un gusto spiccato fruttato quasi piccante, ha una maggiore quantità di sostanze antiossidanti polifenoliche e una minore acidità.
Mentre l’Italia è il secondo produttore mondiale di olio di oliva con circa 250 milioni di piante e una produzione di oltre mezzo milione di tonnellate e puo’ contare su 40 oli extravergine d'oliva: Dop/Igp, la Campania è quarta realtà produttiva in Italia per la produzione d’olio d’oliva.
Con 70 mila ettari di oliveti,otto milioni e mezzo di piante,vengono prodotte, attraverso 550 frantoi, circa 40 mila tonnellate di olio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©