Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Mercoledì 13 da Guida Portalba inaugurazione della mostra fotografica di Enzo Barbieri


Mercoledì 13 da Guida Portalba inaugurazione della mostra fotografica di Enzo Barbieri
12/02/2013, 10:48

Mercoledì 13 febbraio, ore 17:30 Saletta Rossa Libreria Guida Portalba Inaugurazione della mostra fotografica di Enzo Barbieri "La terra del fuoco: Napoli tra storia e realtà" interventi di Piero Antonio Toma Peppe Iannicelli Sandra Di Stefano Maresa Galli Lino Blandizzi Seguirà proiezione del video La terra del fuoco Promuovere l’arte ed ogni forma espressiva affinché siano elementi portanti della cultura e, come tali, occasione di crescita individuale e collettiva. Queste le motivazioni che spingono Enzo Barbieri da oltre trent’anni a fotografare i monumenti della città. Una ricerca fotografica iniziata con il bianco e nero e approdata poi al colore che ha immortalato centinaia di opere d’arte che da secoli giacciono in luoghi  che sfuggono  all’occhio dei visitatori.

Tante le fabbriche esplorate, come le fontane più storiche  “la Fontana del Nettuno, che ha subito diversi spostamenti nell’arco dei secoli, la fontana della Spina corona, nascosta in un vicoletto della via rettifilo, la fontana dell’Immacolatella in via Partenope anche questo monumento ha subito diversi spostamenti nei secoli, la fontana della Sirena i piazza San Sannazzaro , il bellissimo monumento di Piazzetta del Nilo dove risiedeva una comunità cosi detta del Nilo,e i castelli le nuove scoperte agli scavi della metro. Una mostra che raccoglie opere realizzate in zone e quartieri della città che va dal periodo cinquecentesco al periodo ottocentesco, realizzate da artisti sia napoletani che provenienti da tutta l’Italia. 

 Le stampe esposte presso la Saletta Rossa della Libreria Guida Portalba sono di diverso formato, corredate di didascalie con cenni storici sull’opera rappresentata e sull’itinerario dei luoghi  visitati. Il progetto vuole essere anche una sorta di guida per i fruitori alla riscoperta delle opere straordinarie conservate nei siti culturali e non della città di Napoli

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati