Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Confermate le perizie in aula

Meredith, l'ora del delitto ha una forbice di otto ore


Meredith, l'ora del delitto ha una forbice di otto ore
03/04/2009, 14:04

Il medico legale Luca Lalli ha collocato la morte della studentessa inglese Meredith Kercher tra le 20:00 circa del primo novembre 2007 alle 4:00 circa del giorno successivo. Quindi nessuna certezza sulla presenza o meno, sulla scena del crimine, di Raffaele Sollecito e Amanda Knox. L’ora esatta del decesso di Mez appariva fondamentale per avere elementi sui movimenti della coppia.

Per l’esperto, in base alle risultanze degli accertamenti anatomo-isto-patologici, la morte “può essere ricondotta a una insufficienza cardiorespiratoria acuta da meccanismo combinato emorragico ed asfittico”. Il medico legale sostiene, quindi, che la morte della studentessa è stata determinata da un “shock emorragico” al quale si è aggiunto “un meccanismo di natura asfittica prodottosi per l’aspirazione di sangue che ha raggiunto, attraverso l’albero bronchiale, le basse vie respiratorie”.


Sempre secondo Lalli, sul corpo di Meredith non sono emersi nel corso degli accertamenti “segni esterni di natura traumatica cui attribuire il senso di una violenza carnale propriamente detta”. Ma il medico non la esclude del tutto.

Dunque Lalli ha confermato in aula quanto già rilevato nella sua consulenza medico-legale.


 

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©