Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Metodo stamina, oggi la consegna del protocollo

Vannoni: "Rispettiamo l'impegno preso".

Metodo stamina, oggi la consegna del protocollo
01/08/2013, 11:49

ROMA - Giornata importante per il metodo Stamina standardizzato all'Istituto Superiore di Sanità. Oggi, infatti, è prevista la consegna del protocollo, e l'avanzamento di diverse richieste a Beatrice Lorenzin, ministro della Salute. Il metodo terapeutico a base di cellule staminali mesenchimali consentirà il via alla sperimentazione clinica. La consegna l'ha annunciata Davide Vannoni, il presidente di Stamina Foundation, mettendo in evidenza che si tratta di "un atto di fiducia verso il governo". "Auspico - ha poi aggiunto - che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, riconsideri le nostre richieste". Vannoni prosegue affermando che "Ci siamo presi un impegno e riteniamo corretto mantenerlo, anche se penso che nessuno al mondo avrebbe consegnato il Protocollo di un metodo a fronte delle condizioni di poca trasparenza poste dal ministero. Il nostro è un atto di fiducia verso il governo e di responsabilità verso i malati". Queste le aspettative di Stamina Foundation: "Spero ci sia una contro-risposta altrettanto aperta e all'insegna del dialogo da parte del ministro della Salute, e l'auspicio è che il ministro, a questo proposito, riconsideri le richieste avanzate da Stamina ed alle quali si è data una risposta negativa". Il presidente aveva messo in forse la consegna del protocollo all'Iss il primo agosto, come previsto, proprio a seguito delle chiusure da parte del ministero. La vicenda ha visto contrapporsi ministero della Salute e Iss a Stamina e i suoi sostenitori: malgrado il ministero avesse approntato la sperimentazione clinica sul metodo, con tanto di comitato scientifico gia' nominato e operativo presieduto dal presidente dell'Iss Fabrizio Oleari, Vannoni piu' volte aveva lamentato quella che secondo lui era mancanza di trasparenza, la presenza di esperti nel comitato gia' pregiudizialmente contrari al metodo stesso e l'assenza di una Cro, ossia un organismo internazionale indipendente di valutazione. A breve la questione dovrebbe finalmente arrivare a risoluzione.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©