Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Oltre centomila persone in piazza

Migliaia di giovani a San Pietro per Papa Francesco

Celebrate 44 cresime

Migliaia di giovani a San Pietro per  Papa Francesco
28/04/2013, 17:13

 CITTA' DEL VATICANO (ROMA)  - L’effetto Papa Francesco continua a farsi sentire a Roma. Il Papa carismatico “venuto dalla dine del mondo”  ha “portato”, stamane, nella capitale   oltre centomila persone che hanno seguito la Messa. La stima è del direttore della sala stampa vaticana, Padre Federico Lombardi. Ma, calcolando che sia la piazza che via della Conciliazione erano strapiene, potrebbero essere anche di più. La Messa, nonostante le 44 cresime, è stata asciutta e il Papa ha anticipato il Regina Coeli. Anziché alle 12, oggi la preghiera mariana è cominciata alle 11.40 e il Papa, come fa ogni volta che celebra la Messa a piazza San Pietro, l'ha pronunciata dal sagrato e non dalla finestra dell'appartamento. Il giro dei saluti è durato quasi un'ora. Prima i ragazzi che hanno ricevuto la cresima, poi i sacerdoti che li accompagnavano. Infine un lunghissimo giro sulla jeep bianca per salutare la gente in piazza. Si è visto più volte battere la spalla dell'autista per chiedergli di rallentare o di fermarsi. Infine è sceso dall'auto per andare nella sezione dove c'erano i disabili per salutarli più da vicino e personalmente. Dio "ci dà il coraggio di andare controcorrente, sentite bene giovani. Non ci sono difficoltà tribolazioni, incomprensioni che ci devono far paura".   Ha detto durante l’omelia  rivolto ai ragazzi che hanno ricevuto la Cresima. "Con lui - ha sottolineato - possiamo fare cose grandi". "Giocate la vita per grandi ideali". "Scommettete su grandi ideali, su cose grandi, non siamo stati scelti dal Signore per 'cosine' piccole ma per cose grandi", ha aggiunto Papa Francesco. "La novità di Dio non assomiglia alle novità mondane, che sono tutte provvisorie, passano e se ne ricercano sempre di più. La novità che Dio dona alla nostra vita è definitiva", "apriamogli la porta", ha concluso Bergolgio.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©