Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

La donna è grave; l'uomo già denunciato per violenze

Milano, accoltella la moglie davanti alla figlia e si ammazza


Milano, accoltella la moglie davanti alla figlia e si ammazza
17/08/2009, 20:08

E’ ancora ricoverata in condizioni gravissime all’ospedale San Paolo di Milano la 37enne marocchina che, domenica scorsa, è stata accoltellata dal marito dopo l’ennesima lite. La donna è stata colpita con diversi fendenti all’addome, sferrati con un coltello da cucina all’interno dell’appartamento di via Apuli dove la coppia viveva insieme alla figlia di 10 anni, anche lei rimasta ferita durante la colluttazione. Subito dopo l’aggressione il marito, un marocchino 55enne, forse credendo di avere ammazzato la moglie, è salito a bordo della sua automobile e si è schiantato contro un muro in via Lodovico il Moro, morendo poco dopo il ricovero in ospedale. La bambina, colpita di striscio da una coltellata nel tentativo di separare i genitori, è stata dimessa già domenica in tarda serata ed è stata affidata ai parenti insieme all’altro figlio della coppia, un maschio di 4 anni.
A quanto si apprende, non è la prima volta che l’uomo aveva dei comportamenti violenti. Risulta infatti che già in passato aveva aggredito la moglie durante delle vivaci discussioni e per questo motivo era stato già denunciato. Il particolare è stato riferito dalla bambina, che ha lanciato l’allarme domenica sera correndo al commissariato Lorenteggio.
Il marocchino 55enne, operaio in una ditta di pulizie e da anni residente in Italia, era conosciuto come un tipo violento ma non risulta che bevesse o assumesse stupefacenti. Secondo i parenti della donna era stato già due volte: una pochi giorni fa, l’altra invece risale a molto tempo prima. Dai rilievi effettuati sul luogo dove si è schiantato con l’automobile non risultano segni di frenata, il che fa pensare che l’uomo si sia schiantato volontariamente contro il muro, probabilmente proprio per togliersi la vita.

 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©