Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Righi scarcerato con l’attenuante della provocazione

Milano, ai domiciliari l’aggressore del tassista. Il gip: “E’ stato provocato”


Milano, ai domiciliari l’aggressore del tassista. Il gip: “E’ stato provocato”
27/02/2014, 19:47

Davide Guglielmo Righi, l’aggressore del tassista Alfredo Famoso morto dopo l'aggressione in via Morgagni a Milano è stato scarcerato e ora sconterà la pena agli arresti domiciliari. La decisione è stata presa dal gip Gianfranco Criscione che ha concesso a Righi l’attenuante della provocazione e derubricando il reato da omicidio volontario a omicidio. Il gip ha escluso anche l'aggravante dei motivi abietti e futili.

L’attenuante della provocazione è stata riconosciuta a Righi perché mentre attraversava sulle strisce pedonali stava per essere investito insieme alla moglie, incinta di 8 mesi. Famoso sarebbe poi sceso dall'auto rivolgendosi a Righi con fare minaccioso e aggressivo. Motivo, questo, che avrebbe portato l’uomo a colpire il tassista con una bottiglia d'acqua. Il tassista che ha sbattuto la testa prima contro la ruota di un suv e poi contro l'asfalto è morto due giorni fa all'ospedale Niguarda. Sarà l'autopsia a stabilire il motivo del decesso.

Stando a quanto scritto dal gip nell’ordinanza, la dinamica della vicenda "porta senz'altro ad affermare che l'indagato, pur avendo colpito il capo della vittima con una pesante arma impropria, non avesse l'intento di uccidere Famoso, bensì solo di arrecargli una lesione o, comunque, di percuoterlo". Ed è "plausibile che Righi abbia agito nello stato d'ira determinato dall'ingiusta condotta del povero Famoso il quale, infatti, non contento di aver quasi investito lo stesso Righi e altre persone sulle strisce pedonali, si fermava e scendeva dal proprio veicolo per lamentarsi minacciosamente col medesimo Righi del danno che quest'ultimo aveva cagionato allo stesso veicolo".

Righi proprio nel giorno della sua scarcerazione è diventato padre per la terza volta. La sua compagna ha partorito una bambina. L'uomo ha altri due figli da precedenti relazioni.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©