Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I dati preoccupano il Procuratore aggiunto Forno

Milano: Allarme violenze sessuali, 26 casi nell'ultimo mese


Milano: Allarme violenze sessuali, 26 casi nell'ultimo mese
24/05/2012, 20:05

 MILANO - I dati relativi ai casi di violenze sessuali tentate o consumate su strada   preoccupano sempre di più.   Oggi questo dato è più che allarmante considerando che a Milano tra il 24 aprile e il 24 maggio le violenze ( tentate o consumate) sono state ventisei.
A mettere in risalto questa preoccupante situazione è stato  il procuratore aggiunto del capoluogo lombardo, Pietro Forno, che è intervenuto nel corso della conferenza stampa sul “nuovo mandato di cattura per Luca Terranova”, ritenuto colpevole di una violenza avvenuta l’11 aprile scorso, su una ragazzina di 13 anni. Lo stesso Forno a poi spiegato, a capo del pool reati sessuali che “Tra il 24 aprile e il 24 maggio a Milano sono state denunciate o segnalate dal Soccorso violenze sessuali della Clinica Mangiagalli 26 violenze sessuali compiute da sconosciuti, sette delle quali in danno di minorenni”. Tra i casi citati anche quello della violenza alla madre che aveva accompagnato i figli a scuola e avvenuta al parco di Villa Litta.
Il Procuratore aggiunto Forno ha continuato riferendo che dal 28 marzo al 20 aprile scorsi, i casi di violenza sessuale (tentate o consumate) commessi nel capoluogo lombardo sono stati 12, di cui tre ai danni di minori. In Procura a Milano, i fascicoli aperti per stupro a carico di ignoti (di cui per circa un terzo poi le indagini individuano il responsabile) vengono affidati ai Pm Gianluca Prisco e Cristiana Roveda, coordinati dall'aggiunto Forno.
Non poteva mancare da parte di Forno anche un appello alle donne milanesi, in particolare ad altre eventuali vittime do Terranova : “ Se qualcuno ha subito qualcosa, lo dica”. Infine per facilitare l’eventuale identificazione, Il dirigente della Squadra Mobile, Patrizia peroni, che si è occupata delle indagini, ne ha fatto una descrizione : “Alto circa un metro e sessanta, castano, appena stempiato, 30 anni, occhi castani. È milanese, ma in una delle due aggressioni ha simulato un accento meridionale. Si è diplomato e ha iniziato gli studi universitari senza concluderli. Ha un solo precedente, un arresto per resistenza a pubblico ufficiale”.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©