Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Se il bottino non era buono, erano botte da orbi

Milano: arrestati tre rom, costringevano due ragazzi a rubare


Milano: arrestati tre rom, costringevano due ragazzi a rubare
30/07/2011, 15:07

MILANO - Tre rom di nazionalità serba e montenegrina sono stati arrestati oggi a Milano, con gravissime imputazioni: riduzione in schiavitù pluriaggravata e continuata di due minori e lesioni gravissime. SI tratta di una coppia e della madre di lui; le vittime erano due dei loro 10 figli. Dall'età di 10 anni, costringevano i ragazzi ad andare a rubare negli appartamenti tra Milano e Torino. E se quello che portavano a casa non era di loro soddisfazione, allora erano botte da orbi, e non solo con le mani: cinture, fili elettrici, il ferro da stiro caldo, il forchettone... tutto era usato per infliggere severe punizioni corporali ai due. Ed erano 4 anni che andava avanti questa storia.
Poi, alla fine del 2010, i due ragazzi vanno in una comunità, da cui poi dovrebbero essere affidati alla nonna. Ma i due mostrano una inusuale contrarietà a questa scelta. La cosa insospettisce gli educatori, che cominciano a verificare le cose e notano le numerose cicatrici (guarite senza neanche l'aiuto dei medici, dato che non risultano icoveri per i ragazzi); piano piano hanno conquistato la fiducia dei giovani e hanno saputo cosa era successo.
Ora, i tre arrestati rischiano una condanna fino a 30 anni. Da notare che la persona più anziana (relativamente parlando, ha comunque 59 anni) è già stata denunciata per maltrattamenti sulla nuora che non voleva andare a rubare

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©