Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'impianto viene considerato antiestetico

Milano: condominio obbliga un anziano disabile a pagarsi la servoscala


Milano: condominio obbliga un anziano disabile a pagarsi la servoscala
23/12/2012, 17:34

MILANO - Incredibile la vicenda che sta accadendo in un palazzo a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano. 
C'è un condomino, che abita al quinto piano. Si chiama Piero Pennati, ha 85 anni ed è in dialisi da 5 per il diabete. E data l'età, la malattia gli ha indebolito le gambe. Per questo, non è in grado di camminare da solo. Nè di salire i nove scalini che separano l'ingresso dal piano rialzato, dove si trova l'ascensore che poi lo porta al quinto piano. Per cui, per fare quegli scalini, usa un servoscala, cioè una di quelle pedane che consentono a chi è sulla sedia a rotelle di salire le scale. 
Ma gli altri condomini non gradiscono il servoscala, lo considerano antiestetico.  E così da tempo cercano di eliminarlo, cosa non possibile con facilità, legge alla mano. E così nell'ultima riunione di condominio hanno deciso all'unanimità di accollarne le spese al solo Pennati, che è l'unico del palazzo che lo usa. 
Naturalmente l'interessato - come riferisce Repubblica, che riporta il fatto - non intende demordere e lui e i suoi familiari si preparano a fare ricorso e ad impugnare la delibera condominiale. Tuttavia resta una domanda: Quale fastidio può mai dare quella pedana? Ovviamente nessuno. Nè può essere problematico pagare la bolletta, considerando che è tanto se quel servoscala viene usato un paio di volte al giorno. L'ascensore costa molto di più. E allora che alternative restano? Le possibilità sono due: la prima è che i condomini stanno ragionando nel senso di dire: "Visto che a me non serve, perchè lo devo pagare?". Ed è un esempio del peggior egoismo possibile. Un egoismo stupido: nessuno glielo augura, ma chi può escludere che qualcun altro non ne possa avere bisogno da qui a qualche anno? Un incidente stradale o una malattia possono arrivare all'improvviso, non è che ti mandano il preavviso. La seconda possibilità è ancora peggio: e se trovassero antiestetico il signor Pennati? Non sarebbe la prima volta che si scatenano forme di odio e di razzismo contro le persone disabili. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©