Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Milano: conto da 7000 euro per un giapponese in un night club


Milano: conto da 7000 euro per un giapponese in un night club
09/09/2009, 17:09

L'eco che si è avuto anche in Giappone per alcuni turisti truffati da commercianti italiani, ha fatto uscire fuori altre truffe ai loro danni accadute in Italia. Per esempio quella di un turista che ha raccontato la sua disavventura quando è venuto il Italia nel dicembre 2008. Era andato con un amico al night club Pussy Cat, sito in Milano. I due sono arrivati in un momento in cui non c'era nessuno, si sono accomodati e hanno bevuto, forse anche un po' tanto. Quando è arrivato il conto, lo stordimento non gli ha permesso di vedere bene le cifre sui due scontrini: uno da 500 euro e uno da 6765 euro. Se ne sono andati dal locale convinti di avere pagato circa 80 mila yen, mentre in realtà ne avevano pagati 800 mila (al cambio di quel periodo tra euro e yen, che era 1 euro=circa 110 yen). Tanto che il giorno dopo il turista non potè usare la carta di credito usata per il pagamento della sera prima.
La cosa è stata notata solo in questi giorni, in cui il turista ha notato il prelievo, proprio dopo avere letto le disavventure di alcuni suoi connazionali che erano venuti in Italia. E a quel punto ha scritto una lettera all'ENIT (Ente Nazionale Italiano del Turismo), raccontando l'accaduto. L'associazione per i consumatori ADOC ha consigliato al turista di inviare ad una denuncia al Tribunale di Milano, tramite il consolato giapponese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©