Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ancora una volta posizione estremista del Carroccio

Milano: i musulmani chiedono un luogo di culto, la Lega risponde picche


Milano: i musulmani chiedono un luogo di culto, la Lega risponde picche
09/04/2010, 17:04

MILANO - Ancora una volta la Lega Nord dimostra di non concepire alcun tipo di accordo o convivenza con i musulmani. Mercoledì scorso Abdelhamid Shaari, presidente dell'Istituto culturale islamico, aveva fatto una proposta per ovviare alla cronica carenza di moschee a Milano: dateci uno spazio in una zona periferica ma servita con i mezzi pubblici e i soldi per sistemarla e farla diventare un luogo di culto per i musulmani ce li mettiamo noi. Shari aveva scritto una lettera aperta, pubblicata anche su alcuni quotidiani, con questa proposta, indirizzata al sindaco di Milano, Letizia Moratti.
E' una proposta ragionevole e soprattutto a costo zero per il Comune, che quindi era senz'altro accettabile. Ma la Lega Nord la pensa diversamente. Infatti a stretto giro di posta è arrivata la risposta di Matteo Salvini, esponente della Lega noto per i suoi canti offensivi verso i napoletaniu e per la sua proposta di fare mezzi pubblici riservati ai bianchi. "Finché siamo nella maggioranza che governa Milano non sarà concesso nessun ulteriore spazio per le comunità islamiche, visto che ne hanno già fin troppi. Siamo contrari a nuovi spazi per la comunità islamica visto che non ha ancora dimostrato la propria disponibilità all'integrazione. No a nuove moschee, anche se gli islamici se le pagassero con i soldi del petrolio o degli sceicchi", ha dichiarato Salvini, dimostrando la sua totale chiusura e dimostrando ancora una volta la xenofobia leghista.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©