Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Già prevista l'inaugurazione il 18 dicembre

Milano: il Comune dà la sede a Forza Nuova, il Pd protesta


Milano: il Comune dà la sede a Forza Nuova, il Pd protesta
25/11/2010, 12:11

MILANO - "Associazione culturale e sociale senza scopo di lucro": per il partito Forza Nuova è bastato definirsi così e partecipare ad un bando del Comune di Milano per avere una nuova sede, per meno di 20 mila euro in pieno corso Buenos Aires, nella zona centrale di Milano. Un grosso successo per il partito, nato nel 1997 dalla scissione dalla Fiamma Tricolore di Pino Rauti e caratterizzatosi sempre per i suoi comportamenti e le sue dichiarazioni razziste, xenofobe ed omofobe.
Ma la scelta del Comune di Milano non è piaciuta al Pd, che, con il suo capogruppo in Consiglio Comunale, Pierfrancesco Majorino, ha fatto presente al sindaco che sarebbe necessario rescindere immediatamente il contratto, definito "un insulto a tutte le associazioni di volontariato della città". Protesta, ai microfoni di Radio Popolare, anche Liliana Segre, una degli ultimi sopravvissuti di Auschwitz: "I neonazisti avrebbero dovuto sparire dalla storia e invece si riciclano, tornando fuori puliti e lavati, come quando la mafia lava i soldi e apre un'attività commerciale".
Difende invece la scelta del Comune il Pdl, con Marco Osnato (ex An ed un passato nel Fronte della Gioventù): "L'istruttoria per l'assegnazione è stata gestita in sede tecnica, e non politica, dagli esperti indicati dalla commissione consiliare Demanio. Dunque si vede che Fn aveva i requisiti. In fondo Fn si presenta anche alle elezioni, anche se con poco successo. E poi Milano è già piena di sedi concesse a chi inneggia alla lotta violenta del proletariato contro il capitalismo, non penso che la nuova sede di Forza Nuova costituirà un pericolo per la democrazia".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©