Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'operazione da farsi dopo l'udienza preliminare

Milano, il giudice: niente trascrizioni per il caso Ruby


Milano, il giudice: niente trascrizioni per il caso Ruby
19/05/2011, 15:05

MILANO - Niente da fare per i Pm; dovranno aspettare l'udienza preliminare per cominciare la trascrizione delle intercettazioni telefoniche disposte nell'ambito del processo che vede Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede accusati di sfruttamento della prostituzione, anche minorile. L'ha stabilito il Giudice Maria Grazia Domanico, che il 27 giugno prossimo gestirà l'udienza preliminare.
Infatti i Pubblici Ministeri avevano inviato una richiesta scritta per procedere con l'affidamento della consulenza peritale relativa alla trascrizione delle intercettazioni telefoniche. Si tratta di una operazione indispensabile (gli avvocati non si fidano dei brogliacci della Polizia) ma che porta via moltissimo tempo. Anche perchè si tratta di ben 1300 telefonate, il che significa almeno una trentina di ore di audio. E' un lavoro che ad una persona può richiedere - a seconda della qualità del sonoro - anche 4-6 mesi e sicuramente non meno di 3. Per tagliare i tempi, i magistrati avevano chiesto di poter iniziare a conferire l'incarico, ma il Gup li ha fermati. Questo per due motivi. Innanzitutto un errore tecnico: i Pm si sono appellati all'articolo 392, che però riguarda l'incidente probatorio; mentre sarebbe stato più corretto appellarsi all'articolo 268.
Inoltre c'è un motivo di opportunità, che spinge il Gup a rispondere che è preferibile conferire l'incarico solo dopo l'udienza preliminare e il confronto con gli avvocati difensori. Appare evidente il timore di qualche mossa che sarebbe normale in un processo a carico di un normale imputato, ma che rischierebbe di scatenare una campagna mediatica se fatta in questo processo.
Non che cambi qualche cosa; si tratta solo di un rinvio di qualche mese dell'inizio del processo. E visto che la prescrizione qui è lontanissima nel tempo (nel 2025), non ci saranno particolari cambiamenti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©