Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Durissimo comunicato del cardinale Tettamanzi

Milano, la Curia contro il Comune: "Sui rom accordi violati"


Milano, la Curia contro il Comune: 'Sui rom accordi violati'
08/10/2010, 09:10

MILANO - Durissima presa di posizione della Curia milanese, contro il Comune e il governo: "Lo slogan 'Nessuna casa ai rom' riveste di ideologia e discriminazione una vicenda che meriterebbe ben altra intelligenza. Promuovere la legalità, specie per le istituzioni, significa rispettare gli impegni sottoscritti", recita un comunicato del cardinale Tettamanzi. Infatti c'era l'accordo per collocare 25 famiglie rom, del campo rom Triboniano, in alcune case popolari. Il campo in questione è gestito dalla Curia insieme ad alcune associazioni di volontariato, che, secondo gli accordi sottoscritti dal Comune, hanno anche provvedutro a lavori di risistemazione del campo. Che adesso non solo verrà abbattuto, ma le famiglie che ci vivono non avranno alcuna sistemazione.
E gli accordi? Carta straccia. Al massimo ci sarà da risarcire le associazioni di volontariato per le spese subite, ma solo se don Virginio Colmegna - responsabile della Casa della Carità che si occupa del campo - porterà a termine le sue intenzioni: "Se la nuova linea dell'amministrazione è "nessuna casa ai rom" chiediamo alle istituzioni di convocarci e motivarci formalmente questo divieto - si legge sul sito della Casa della carità - In questo caso non potremmo che tutelare anche per vie legali gli interessi di chi ha sottoscritto gli accordi, ricordando l'inadempimento contrattuale, la violazione dei principi di imparzialità. L'inadempimento è determinato esclusivamente dall'appartenenza dei beneficiari all'etnia rom con conseguente violazione del divieto di discriminazione per motivi etnici e razziali".
Una situazione che comunque non disturba la Lega Nord e il Pdl, che delle discriminazioni e del razzismo hanno fatto il loro cavallo di battaglia, soprattutto nel nord, dove discriminazione e razzismo sono praticati da molti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©