Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La situazione dell'esponente del Pd si complica

Milano: la Gdf trova 11 mila euro in contanti a casa di Penati


Milano: la Gdf trova 11 mila euro in contanti a casa di Penati
02/08/2011, 09:08

MILANO - Si complica, la situazione giudiziaria dell'ex vicepresidente della provincia di Milano, Filippo Penati. Infatti, secondo quanto risulta agli atti, la Guardia di Finanza, che pochi giorni fa ha effettuato una perquisizione a casa di Penati, ha trovato in tre diverse stanze ben 66 banconote (17 da 500, una da 100 e 48 da 50) per un totale di 11 mila euro, che vengono considerati "sospetti", al punto che, nel verbale di perquisizione, questa viene definita con "esito positivo".
E' stata trovata anche la chiave di una cassetta di sicurezza, all'interno della quale però non è stato trovato nulla di interessante, dal lato giudiziario. Molto più interessante è invece una cartelletta, con la scritta "trasporti Sesto", trovata sempre a casa di Penati, nella quale erano raccolti gli articoli della stampa relativi alla linea 712 che collega Sesto San Giovanni con Cinisello Balsamo e al contenzioso avviato dalla Caronte srl, la società il cui direttore generale è quel Piero Di Caterina che oggi è uno dei principali accusatori del deputato Pd.
Naturalmente è stato trovato molto altro, durante la perquisizione, che è stato segnalato nel verbale di perquisizione, ma si tratta di cose che rientrano nella normalità per una persona comunque facoltosa come è Penati. Come una Bmw serie 5 intestata ad una società finanziaria di San Donato Milanese e una moto di grossa cilindrata intestata allo stesso politico.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©