Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Studenti cambiano posto ogni 15 giorni

Milano: le maestre sconfiggono il razzismo


Milano: le maestre sconfiggono il razzismo
02/12/2009, 16:12

MILANO - Potrebbe essere un buon esempio da imitare, quello adottato in una terza media dell'istituto Trilussa, nel quartiere Quarto Oggiaro di Milano. Inizialmente c'era una netta separazione tra i 13 alunni italiani e i 9 stranieri, e spesso c'erano atteggiamenti razzistici: dalla marocchina a cui sporcano il vestito con la vernice "per scherzo", all'alunna che in aula grida: "L'Italia agli italiani". Così, per porre fine a questo razzismo, il Consiglio di classe ha deciso di cambiare le cose: ogni 15 giorni i ragazzi cambiano l'assegnazione dei posti, a discrezione degli insegnanti, in modo che ciascuno abbia vicino un extracomunitario, per quanto possibile. Naturalmente, i genitori sono stati avvisati per lettera di questo cambiamento.
I risultati sono si sono fatti attendere: quattro dei ragazzi stranieri si sono integrati alla perfezione, sono invitati a casa dei compagni italiani, ecc. Resta qualche problema per i cinque cinesi. Sia perchè nei loro confronti il razzismo è più forte (si sprecano, da parte degli alunni, frasi del tipo: "Ci rubano il lavoro", "Puzzano" e così via); sia perchè i cinque parlano l'italiano molto male e quindi passano molto tempo con l'insegnante di sostegno che insegna loro l'italiano. E questo senz'altro rallenta l'integrazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©