Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

La Polizia cerca i tre aggressori

Milano: picchiato in un McDonald, nessuno interviene


Milano: picchiato in un McDonald, nessuno interviene
01/12/2009, 16:12

MILANO - Ennesimo episodio di violenza causata dall'omofobia a Milano. Ma ad aggravare le cose, questa volta, il fatto che ci sono stati tanti testimoni, nessuno dei quali ha mosso un dito.
Tutto è iniziato verso le 23 di ieri sera, quando un italiano di 47 anni entra nella sua macchina che aveva lasciato nel parcheggio vicino al cimitero di Bruzzano. Essendo una zona dove spesso gli uomini si prostituiscono, è stato scambiato per un gay da tre giovani, vestiti di nero e dlel'apparente età di 25 anni. I tre, a bordo di una station wagon, hanno sbarrato la strada al 47enne, accendendo i fari abbaglianti. A questo punto la vittima, capite le intenzioni degli aggressori, è fuggito dall'auto, entrando in un vicino McDonald, probabilmente contando sul fatto che i tre non avrebbero osato aggredirlo in un luogo affollato. Ma i tre non si sono fermati, e hanno colpito più volte l'uomo con calci e pugni, gridando insulti omofobi. E la cosa più sconcertante è che nessuno dei presenti ha reagito, nè intervenendo personalmente nè chiamando le forze dell'ordine. Alla fine i 3 se ne sono andati e il 47 enne è andato in ospedale a farsi curare e poi alla Polizia a presentare denuncia. 
Le indagini vanno avanti con lentezza, ma gli inquirenti contano di individuare i tre giovani aggressori grazie alle telecamere sistemate nel McDonand.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©