Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La lite scoppiata all'interno di una fabbrica

Milano: picchiato perchè nero, "Torna al tuo Paese, puzzi"


Milano: picchiato perchè nero, 'Torna al tuo Paese, puzzi'
12/03/2011, 15:03

CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO) - Ancora un episodio di razzismo in provincia di Milano, per l'esattezza a Cernusco sul Naviglio. Vittima un giovane congolese di 24 anni, rifugiato politico dal 2006, che lavora presso la ditta Terneca, per mantenersi e proseguire i suoi studi all'università. Tutto inizia sabato scorso, quando il ragazzo, finito il suo turno di lavoro, entra nello spogliatoio per cambiarsi gli abiti. Nel farlo, sporca il pavimento con l'olio di macchina su cui ha posato il piede mentre lasciava la zona di lavoro. E questo dà fastidio all'addetto alle pulizie, un italiano di 50 anni, che lo apostrofa con male parole: "Negro, torna al tuo Paese, puzzi come tutti quelli della tua razza".
Non contento, l'uomo ha atteso il congolese il lunedì successivo all'uscita della fabbrica, spalleggiato da altre quattro persone, tra cui il figlio. Appena il giovane straniero è uscito, i cinque gli si sono avventati addosso, prendendolo a calci e a pugni, anche dopo averlo buttato a terra, e minacciandolo di una seconda e ben più dura lezione se li avesse denunciati. Il giovane è stato medicato in ospedale, dove gli è stata fatta una prognosi di sette giorni per le ferite, ma il ragazzo è apparso molto scioccato. E nonostante le minacce, il giorno dopo il giovane ha anche denunciato i suoi aggressori alla Polizia, raccontando quello che gli era successo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©