Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

MILANO POLEMICHE PER MANIFESTO CON NUDO DI DONNA


MILANO POLEMICHE PER MANIFESTO CON NUDO DI DONNA
14/11/2008, 09:11

Un lenzuolo bianco come sfondo; una ragazza nuda a braccia larghe, in una posa che ricorda quella con cui viene spesso rappresentata Gesù nei crocefissi; un lenzuolo bianco che le copre le parti intime, su cui si legge "Chi paga per i peccati dell'uomo?". Questo è quello che si legge sul manifesto che Telefono Donna ha scelto per la Giornata Mondiale per la violenza sessuale e che sta creando molte discussioni a Milano. Infatti la Giunta non intende farlo affliggere, in quanto sarebbe blasfemo e offenderebbe la sensibilità religiosa dei cittadini, secondo quanto dice l'assessore all'Urbanistica, Maurizio Cadeo. Che assicura che il Comune di Milano farà un proprio manifesto per ricordare la stessa occasione. "Roba da Medioevo", commenta Roberto Majorino, del Partito Democratico. "Se dovessimo adottare lo stesso metro di valutazione, dovremmo chiudere il 70% delle trasmissioni RAI e Mediaset". Molto più drastico Oliviero Toscani, che spesso si è trovato nella situazione di sollevare discussioni, per le sue fotografie: "Chi censura è sempre un mentecatto".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©