Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La piccola Greta è nata in macchina.

Milano, respinta due volte: partorisce in auto


Milano, respinta due volte: partorisce in auto
12/09/2013, 10:32

MILANO - Ha partorito in auto dopo essere stata rimandata due volte a casa dall'ospedale milanese nel quale si era recata, l'Ospedale "Buzzi". Al centro dell'episodio una donna delle periferia sud di Milano, alla sua seconda gravidanza. Dopo essere stata visitata, a metà mattina è stata dimessa. Qualche ora più tardi è tornata nello stesso ospedale, ma le il risultato è rimasto invariato. Solo un'ora dopo, nel primo pomeriggio, la donna ha capito di essere ad un passo dal parto. Si è così avviata nuovamente in ospedale con il marito, ma orami era troppo tardi: la donna ha partorito la sua Greta in auto. Di seguito la testimonianza della donna: "Mi tenevo al sedile dell'auto e alle maniglie, sentivo che la bambina stava nascendo, avevo paura di schiacciarla. Mio marito continuava ad accelerare, è stato pericoloso, ma ormai non avevamo più scelta. Così la bambina è nata, l'ho tirata su, me la sono appoggiata sulla pancia, pelle a pelle, la macchina continuava a correre, a quel punto ho solo sperato che andasse tutto bene". Dopo il parto, i due si sono recati nel più vicino pronto soccorso dell'Ospedale "San Paolo", dove i medici hanno visitato la neonata e riscontrato le buone condizioni di salute: "Credo che faremo una denuncia - ha detto la donna - siamo stati fortunati, ma una cosa del genere non è accettabile".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©