Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Era agli arresti per una grossa quantità di marijuana

Milano: scarcerato per la bocciatura della Fini-Giovanardi


Milano: scarcerato per la bocciatura della Fini-Giovanardi
20/02/2014, 11:07

MILANO - Uno dei primi effetti della sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato la legge Fini-Giovanardi sulla droga lo si è avuto a Milano, dove è stato scarcerato una persona agli arresti cautelari in carcere. L'uomo era stato arrestato per il possesso di 17 chilogrammi di marijuana. Con la vecchia legge, rischiava fino a 20 anni di galera, e quindi il giudice aveva deciso per la detenzione in carcere. Inutilmente l'avvocato aveva presentato due istanze per ottenere gli arresti domiciliari: troppo elevato il rischio di fuga o di reiterazione del reato. 

Ma adesso le cose sono cambiate: con la Jervolino-Vassalli, che prevede la distinzione tra droghe leggere e pesanti, non rischia più di 6 anni. E quindi i rischi di fuga sono ridotti così come sono ridotte le possibilità di una condanna a pena detentiva, cosa che ha convinto i giudici a concedergli gli arresti domiciliari a casa dei familiari. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©